Tecnomedicina

Un microchip per monitorare l’invecchiamento

Registrerà frequenza cardiaca, pressione arteriosa e livello di stress del paziente

smartaging-201108-14

Molto presto, il nostro invecchiamento potrebbe essere monitorato da un microchip: un sensore nascosto all’interno di braccialetti, cerotti o magliette, in grado di registrare frequenza cardiaca, pressione arteriosa, livello di stress e di inviare i dati in tempo reale al nostro medico curante.

Il progetto si chiama “Smart aging” ed è frutto del lavoro di un  team di ricercatori dell’Università di Bergamo, in collaborazione con l’Università di Brescia, il San Raffaele di Milano, l’Istituto Mario Negri di Bergamo e il Cnr.

L’obiettivo, dicono i promotori del progetto, è quello di “sviluppare soluzioni innovative, basate sulle tecnologie, per sostenere un sano e attivo invecchiamento della popolazione”. Il campo di azione è molto vasto e il fine ultimo, aggiungono i ricercatori, è quello di “avvicinare gli enti di cura alla persona, proprio attraverso la tecnologia”.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!