in

Staminali: cellule cordone ex clienti Cryo-Save in sicurezza presso FamiCord

Roma, 14 apr. (Adnkronos Salute) – “Le cellule staminali da cordone ombelicale degli ex clienti di ‘Cryo-Save Ag in liquidazione’ sono conservate in tutta sicurezza dal Gruppo FamiCord”. E’ quanto si legge in una nota Famicord, biobanca leader in Europa nella conservazione di cellule staminali da cordone ombelicale, in cui informa tutti coloro che hanno siglato in Italia un contratto con l’azienda svizzera ‘Cryo-Save Ag in liquidazione’, per l’affidamento e la custodia di cellule staminali provenienti dal cordone ombelicale dei loro figli, di contattare il Gruppo Famicord per importanti aggiornamenti. L’iniziativa segue all’allerta inviata a febbraio dal National Centre of Tissue and Cell Banking polacco a numerose istituzioni sanitarie europee, affinché i clienti di ‘Cryo-Save Ag in liquidazione’ fossero informati che i loro campioni sono custoditi in tutta sicurezza nei laboratori del Gruppo Famicord.

La decisione di trasferire il materiale biologico è stata presa da ‘Cryo-Save Ag in liquidazione’, detentore originale dei campioni biologici, a causa di una grave situazione finanziaria che, nel 2019, ha condotto alla dichiarazione di fallimento da parte del tribunale svizzero. La liquidazione dell’azienda svizzera è in corso. La potenziale chiusura dei laboratori di Cryo-Save Ag avrebbe messo a repentaglio la sicurezza di centinaia di migliaia di campioni affidati alla biobanca da famiglie provenienti da moltissimi Paesi. Per evitare lo scenario peggiore e garantire la sicurezza dei campioni, Cryo-Save AG ha, pertanto, concluso con il Gruppo FamiCord un contratto di conservazione di materiale biologico, noto anche come Accordo di Back-Up, della durata di cinque anni.

Come conseguenza, i campioni sono stati trasferiti nel nuovissimo laboratorio del Gruppo FamiCord in Polonia. Durante il trasporto, sotto la supervisione di un gruppo di esperti, sono stati osservati i più rigorosi standard tecnici, medici e legali per il trasferimento di materiale biologico. I contenitori criogenici sono stati dotati di speciali sensori di temperatura e ogni apertura del contenitore per il controllo dei campioni è stata videoregistrata. Inoltre, tutti i trasferimenti erano coperti dalla polizza assicurativa del Gruppo FamiCord, emessa da un gruppo di compagnie di assicurazione.

“Il Gruppo FamiCord si sente socialmente responsabile e obbligato a garantire la sicurezza dei campioni. Con poco tempo per agire e centinaia di migliaia di campioni da trasportare, il minimo che potevamo fare era di garantire il trasporto sicuro dei campioni dei clienti di Cryo-Save Ag in liquidazione’ gratuitamente e seguendo le migliori procedure professionali, mediche e legalmente approvate, per salvaguardare i genitori e il futuro dei loro figli”, spiega Jakub Baran, Ceo del Gruppo FamiCord. “Siamo fiduciosi che il servizio sia stato affidato al Gruppo FamiCord per via degli standard di qualità e sicurezza, della reputazione finanziaria e di affidabilità che la nostra azienda ha dimostrato durante tutti i suoi anni di attività”, aggiunge Baran.

Dopo che i campioni furono trasferiti, migliaia di famiglie hanno voluto ricevere rassicurazioni dal Gruppo FamiCord sullo stato del materiale biologico dei loro figli. Al fine di fornire ai genitori le informazioni più accurate, il Gruppo ha avviato la verifica manuale di tutto il materiale inventariato. Questo processo è iniziato il 26 maggio 2019 e si è concluso il 17 luglio 2020. Per garantire l’accuratezza del processo, il controllo dei campioni è stato eseguito manualmente, contenitore per contenitore. Dopo aver controllato 824.140 unità, il Gruppo FamiCord può confermare le condizioni complessivamente buone del campionario. Si sono riscontrati lievi problemi con meno dello 0,3% delle unità. La maggior parte dei problemi identificati sono: tracce di materiale biologico sulla superficie esterna dell’imballaggio, segni di danni meccanici dell’imballaggio, mancanza campioni di controllo per analisi accanto al campione principale. Tutti questi problemi sono il risultato dei metodi di preparazione e crioconservazione utilizzati prima del trasferimento dei campioni presso la struttura del Gruppo FamiCord.

“La scelta della banca di cellule staminali con la quale stipulare un nuovo contratto di stoccaggio resta a discrezione del cliente. Detto ciò, il Gruppo Famicord rende possibile agli ex clienti di Cryo-Save Ag di concludere un nuovo contratto per lo stoccaggio del materiale da parte del Gruppo. Il documento contrattuale è attualmente disponibile in inglese, spagnolo, serbo, italiano, tedesco, ungherese e bulgaro. Per ogni ulteriore informazione, il Gruppo FamiCord ha disposto un servizio di assistenza telefonica”, conclude la nota.

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Covid: studio Spallanzani, anticorpi dei guariti attivi ancora dopo 11 mesi

Covid: Ordine medici a Figliuolo, ‘in campo per superare 500mila vaccini al giorno’