Questo sito contribuisce
alla audience di
Adnkronos Salute e Benessere

Sanità: da Rbm ‘Stop alle liste d’attesa’

Milano, 8 ott. (AdnKronos Salute) – Le liste d’attesa nella sanità italiana continuano a crescere. In 5 anni (tra il 2014 e il 2019) il tempo d’attesa per fare una mammografia con il Ssn è aumentato in media di 59 giorni e, secondo le elaborazioni Rbm Assicurazione salute Spa su dati Censis, gli italiani sono costretti a spendere di tasca propria dai 5 ai 45 euro al giorno per risparmiare sui tempi d’attesa per l’accesso soprattutto alle prestazioni diagnostiche. Cresce così il numero di persone che ricorre alla sanità privata: 691 euro all’anno pro capite e 1.522 euro all’anno per nucleo familiare è il costo della spesa sanitaria privata per gli italiani con un aumento del 10% negli ultimi 6 anni.

Proprio per far fronte alle crescenti esigenze degli italiani nel campo della sanità integrativa Rbm Assicurazione salute ha deciso di rinnovare completamente la sua gamma di polizze individuali mettendo a punto una nuova linea di prodotti finalizzata a fornire soluzioni differenziate in base ai diversi bisogni di copertura dei cittadini italiani. Nasce così ‘Stop liste di attesa’, prodotto presentato in occasione dell’Health & Medmal Insurance Summit (His) di Milano, uno strumento che ha l’obiettivo di tutelare il cittadino quando le liste d’attesa dell’Ssn sono troppo lunghe.

“‘Stop liste di attesa’ subordina la possibilità di attivare la propria polizza privata in presenza di liste d’attesa troppo lunghe o di assegnazione del cittadino da parte del Cup a strutture Ssn troppo distanti dal domicilio”, spiega Marco Vecchietti, amministratore delegato e direttore generale di Rbm Assicurazione salute.

“La nuova linea di prodotti – continua Vecchietti – si basa su una profonda analisi dei bisogni di sanità integrativa dei cittadini italiani e fornisce risposte mirate alle motivazioni principali che portano le famiglie italiane a sostenere privatamente il costo delle cure sanitarie: dalle liste di attesa alle crescenti difficoltà di accesso presso le strutture del Ssn. Non a caso abbiamo scelto di chiamare la nuova linea di prodotti di Rbm Salute ‘Servizio sanitario personale’, proprio per enfatizzare l’obiettivo di questi prodotti di fornire ai cittadini risposte efficaci e personalizzate alle proprie esigenze sanitarie”.

“Riteniamo importante – interviene Vecchietti – avere un approccio più immediato con gli assicurati, permettendo loro di non avere ‘barriere’ d’entrata nella stipula di polizze sanitarie. Siamo così partiti dall’eliminazione del questionario anamnestico per poi passare a un importante contenimento delle carenze. Inoltre, in un’ottica di fidelizzazione degli assicurati, abbiamo deciso, unica tra le compagnie attualmente operanti nel settore – rivendica – di garantire agli assicurati la possibilità nel tempo di poter estendere la copertura anche alle malattie pregresse. Potranno assicurarsi tutti i cittadini interessati entro gli 80 anni di età”.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */