';

Salute: torna il ‘mese del cuore’, campagna prevenzione con check-up gratuiti

Roma, 16 set. (Adnkronos Salute) – In Italia il rischio cardiovascolare è la prima causa di morte, pari al 34,8% di tutti i decessi (dati Istat). Di questi, circa un terzo sono correlabili al colesterolo alto, 47mila nel 2017 secondo la rivista ‘Lancet Public Health’. Per questo motivo Danone, che da 12 anni si prende attivamente cura del colesterolo degli italiani, in collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, rilancia il “Mese del Cuore”, per informare e sensibilizzare gli italiani sull’importanza della prevenzione cardiovascolare attraverso check-up gratuiti e valutazione dei fattori di rischio individuali.

La campagna, al via dal 24 settembre, è stata illustrata questa mattina presso il Policlinico Gemelli da Salvatore Castiglione, Corporate Affairs Director Danone, Francesco Landi, Direttore Uoc Riabilitazione geriatrica Fondazione Policlinico Gemelli Irccs, durante una conferenza stampa moderata da Federico Luperi, Direttore Innovazione e Nuovi Media Gruppo Adnkronos.

Non solo gli italiani fanno poca prevenzione ma, come se non bastasse, l’emergenza Covid-19 ha comportato una riduzione del numero di controlli medici per tutte le altre malattie, comprese quelle cardiovascolari. Nel 2020 – è emerso durante la presentazione dell’iniziativa – un italiano su 3 non ha svolto gli esami del sangue di routine (dati dell’Osservatorio Sanità di UniSalute) e un milione di screening in meno sono stati effettuati rispetto al 2019 (Osservatorio Nazionale di Screening). Non a caso, il motto scelto per questa edizione – “Al cuor non si rimanda” – esprime bene il senso di urgenza: non è più tempo di rimandare un impegno che dovrebbe essere vissuto nel modo più semplice e naturale possibile, perché parte di uno stile di vita sano.

In occasione del “Mese del Cuore” verranno offerti 1.000 check-up gratuiti effettuati da un team di medici, coordinato da Francesco Landi, docente di Medicina interna e Geriatria all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Con l’obiettivo di stimolare gli italiani a ritornare a fare controlli per prendersi cura della propria salute cardiovascolare, l’iniziativa prevede inoltre la possibilità di fare test di autovalutazione del rischio sulla piattaforma www.mesedelcuore.danacol.it , la stessa da cui prenotare i check-up gratuiti.

Durante le visite di screening, i medici eseguiranno la misurazione dei 7 fattori di rischio cardiovascolare: pressione arteriosa, valori di glicemia e colesterolo, indice di massa corporea, unitamente alla valutazione dello stile di vita, delle abitudini alimentari e di alcuni parametri di performance funzionale (come la forza muscolare). Al termine della visita ai partecipanti verrà rilasciata una scheda in cui saranno riportati i risultati delle valutazioni eseguite, corredati da consigli e raccomandazioni per un corretto stile di vita. Le visite saranno effettuate dal 24 settembre al 16 ottobre nelle giornate di venerdì e sabato (il venerdì dalle 14.30 alle 19.30, il sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00) presso il Centro di Medicina dell’Invecchiamento del Gemelli.

L’importanza di un’iniziativa come il “Mese del Cuore” è confermata dai dati emersi dalle precedenti edizioni: la prevalenza di valori anomali di colesterolo nel sangue è stata riscontrata nel 64,5% dei partecipanti; meno della metà risultava consapevole dei propri livelli di colesterolo, con il 42% che credeva di avere valori di colesterolo normali, mentre in realtà solo il 48% di questi rientrava nel range di normalità (<200mg/dL); più di un terzo dei partecipanti (40%) non aveva misurato il colesterolo nell’ultimo anno. Tra questi, solo il 36% aveva livelli di colesterolo normali (<200mg/dL).


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

close
error: Content is protected !!