';

Queste sono le restrizioni di gioco più comuni riscontrate nei Paesi Europei

Non è davvero un segreto che l’Europa sia un continente di leggi e regolamenti severi. Ogni paese ha il suo atteggiamento solido nei confronti del gioco d’azzardo e del gioco. Vediamo quali sono le leggi più comuni.

Restrizioni al gioco d’azzardo in Europa

L’Europa è conosciuta come il paradiso del gioco d’azzardo. Nella maggior parte dei paesi è legale giocare d’azzardo online o nei casinò terrestri e scommettere su sport e altre attività. Germania, Spagna e Regno Unito sono i mercati più grandi. Alcuni paesi limitano il gioco d’azzardo o lo vietano del tutto.

I casinò online potrebbero non permetterti di giocare d’azzardo, ma è perfettamente legale visitare i casinò terrestri. Alcuni paesi consentono anche solo scommesse sportive.

Regno Unito

È un paese con leggi severe e domanda obbedienza ai suoi cittadini. Tutte le sfere del paese sono state sotto vari livelli di controllo. Dal 2005, quando è stato approvato il Gambling Act, il gioco d’azzardo è stato sotto stretto controllo.

Il controllo dei casinò, delle lotterie e delle scommesse online e reali è svolto da un ente separato. Le licenze sono anche concesse dalla UK Gambling Commission. Queste licenze sono considerate le più affidabili. Ciò significa fondamentalmente che i casinò con licenza nel Regno Unito possono essere considerati affidabili.

Italia

È considerata la culla e l’origine del gioco d’azzardo. Venezia è la culla del baccarat ed è nota per essere stata la prima città ad offrire il gioco d’azzardo. All’inizio il gioco d’azzardo era un reato e le leggi italiane lo vietavano. Esistono diversi tipi di gioco d’azzardo.

Era legale partecipare alle lotterie statali e alle scommesse sportive. I giochi d’azzardo sono stati aggiunti alla lista legale nel 2006. Questi includevano video poker e cash game. Nel 2009, la Commissione Europea ha chiesto che le leggi italiane sul gioco d’azzardo venissero cambiate. Ora ci sono parecchie piattaforme affidabili che offrono giochi d’azzardo online, come per esempio https://casino.netbet.it/.

La Commissione ha dichiarato che in passato erano troppo severi. L’Italia iniziò a rilasciare le licenze AAMS negli anni successivi. Questo paese consente ai casinò di operare solo se hanno una licenza dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato.

Francia

Non è solo nota per i suoi deliziosi croissant e vino. È anche il paese che ha inventato la tradizionale ruota della roulette. Potresti visitare molti casinò terrestri, ma non puoi giocare a quelli online.

Le tasse elevate su tali attività hanno ulteriormente smorzato l’indebolimento dell’attività di gioco d’azzardo fino al 2009. In quell’anno, il disegno di legge è stato approvato per legalizzare il poker, le scommesse ippiche e le scommesse sportive. Nel 2010 è stata creata l’ARJEL. L’autorità di regolamentazione francese per i giochi online regola l’intera industria del gioco d’azzardo.

Spagna

Le scommesse online in Spagna sono legali. È legale nella maggior parte dei casi. Tutte le attività di gioco sono state monitorate e controllate da sistemi elettronici, interattivi e tecnologici dal 2011.

Dopo la presentazione della legge spagnola sul gioco d’azzardo, è stata istituita la Direzione generale per la regolamentazione delle attività di gioco. La legge consente a tutti gli adulti di giocare al gioco d’azzardo a quota fissa, alla roulette, alle scommesse reciproche, alle slot machine e alle scommesse ippiche.

Un’eccezione alla legge relativa ai casinò online è che un casinò deve avere un dominio spagnolo per ottenere una licenza dai regolatori spagnoli. Questa restrizione vieta la maggior parte dei casinò online internazionali.

Germania

Le scommesse ippiche erano vietate in passato. La legislazione federale ha vietato tutte le forme di gioco d’azzardo dal 2008 al 2012. Sarebbe stato facile se un solo stato, lo Schleswig-Holstein, non avesse legalizzato il gioco d’azzardo o rilasciato licenze.

Questo perché c’erano due tipi di leggi tedesche, una per il gioco d’azzardo e una contro di essa. Il Trattato interstatale tedesco ha posto fine a quel pasticcio nel 2012. Questa legge vietava il rilascio di licenze all’interno del paese. Nel 2018, tutte le licenze rilasciate prima del 2012 non sono più legali.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

close
error: Content is protected !!