in

Psoriasi, scoperti legami con l’obesità

Pubblicità

da inviareLa psoriasi è una malattia geneticamente determinata e può colpire a qualsiasi età. Esistono due casi di psoriasi quella moderata grave che colpisce il 10% della superficie cutanea associata anche ad altre malattie e la “non grave” che colpisce in modo lieve. I soggetti colpiti sono solitamente i figli del malato o comunque soggetti predisposti per ereditarietà semplice. Il 3% degli italiani è affetto da psoriasi ma ci sono due picchi di inizio malattia che va uno dai 20-30 anni e l’ altro dai 40-50. Il 20% dei soggetti malati ha una psoriasi grave e non può curarsi con creme: per questi soggetti, soprattutto se sono in sovrappeso, è alto il rischio di steatosi epatica che potrebbe sfociare in cirrosi epatica.

Gli specialisti affermano l’ apporto delle terme nei confronti della psoriasi in quanto migliorano la qualità di vita del soggetto, anche se devono essere affiancate all’ apporto della foto balneoterapia e a lampade ultraviolette B. “Anche i soggetti gravi possono trarne beneficio ma affiancato ad altri tipi di terapie” aggiunge il Prof Ayala. La terapia termale delle malattie dermatologiche utilizza fanghi e bagni con diverse acque principalmente bicarbonato-calciche, sulfuree o salsobromoiodiche ma comunque bisogna eseguire sempre una corretta diagnosi.

Il professor Marco Vitale, direttore dipartimento S. Bi. Bi. T., Facoltà di medicina e Chirurgia Università di Parma, spiega che “lo stress può aggravare la psoriasi in soggetti che già ne sono affetti attraverso meccanismi neuro immunologici complessi. La terapia termale genera effetti positivi locali sulla lesione psoriasica cui si accompagnano effetti benefici generali anche di tipo psichico, che sono rilevanti nella patogenesi di questa malattia”.

Questo è il tema che verrà trattato nell’ ottava edizione del Congresso Biological terapie in medicine a Ischia (Teatro Polifunzionale, in via Delle Ginestre) e presieduto dal professor Amato De Paulis. Durante l’ evento saranno illustrate anche le ultime linee di diagnosi, prevenzione e trattamento di diverse patologie autoimmuni ed allergiche e temi relativi a percorsi diagnostico- terapeutici i queste affrontandone gli aspetti salienti e specificandone le nuove terapie. Presente anche una delegazione FiGC: le indicazioni per gli atleti e il rischio di doping. L’ appuntamento è organizzato dalla Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica   http://www.siica.it/. Amato del Paulis, professore di medicina del dipartimento di Scienze mediche traslazionali di Napoli spiega che “Quelle biologiche sono le terapie innovative che permettono di ottenere ottimi risultati tramite meccanismi immunologici: con queste nuove modalità possiamo approcciare diverse patologie umane. Come l’ angioedema ereditario, per il quale esiste un farmaco apposito, o l’ orticaria cronica, il cui farmaco sarà presto sul mercato” e aggiunge”ampio spazio sarà dato ai temi del doping e della medicalizzazione dei calciatori, con la presenza di autorevoli esponenti della FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio)”. Nicoletta Lorena Piaccia

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Arriva il passaporto biologico: nuova frontiera contro il doping

Compiti sotto l’ombrellone, i consigli per prevenire lo stress