Sanità

Ospedale eco sostenibile: la Regione finanzia gli impianti fotovoltaici per gli ospedali galluresi

L´Asl di Olbia muove i primi passi verso "l´ospedale sostenibile": i tre presidi ospedalieri della gallura avranno un impianto fotovoltaico in grado di produrre energia solare che, convertita, diventerà energia elettrica.

L´Asl di Olbia in questi giorni si è aggiudicata un finanziamento regionale di circa 450.000 euro, da dividersi tra i tre ospedali, per la realizzazione di impianti fotovoltaici volti alla produzione di fonti energetiche rinnovabili che permetteranno di contenere il fenomeno dell´inquinamento ambientale anche in Gallura.

Nell´intento di salvaguardare l´ambiente la direzione dell´azienda sanitaria olbiese, guidata dal commissario Giovanni Antonio Fadda, dal direttore amministrativo Mario Altana e dal direttore sanitario Maria Serena Fenu, ha voluto partecipare al bando regionale rivolto alle aziende sanitarie della Sardegna che prevedeva il cofinanziamento di impianti solari fotovoltaici e termici integrati nelle strutture edilizie degli ospedali pubblici.

Il servizio tecnico della Asl di Olbia ha presentato negli uffici dell´assessorato all´Ambiente un progetto che preveda la realizzazione di un impianto solare integrato al Giovanni Paolo II di Olbia, al Paolo Merlo di La Maddalena e al Paolo Dettori di Tempio Pausania: il progetto prevede una spesa di realizzazione superiore ai 550.000 euro che verrà finanziato al 90% con fondi regionali, per una quota di circa 440.000 euro, mentre la restante cifra sarà a carica del bilancio corrente dell´Azienda sanitaria.

Gli impianti in progetto (superficie 150 mq), verranno realizzati sul tetto dei tre presidi ospedalieri, saranno in grado di produrre una potenza pari a 19,035 Kilowatt ciascuno, saranno collegati in rete e potranno funzionare in parallelo alla rete elettrica esistente, questo consentirà di convertire l´energia solare in corrente elettrica che potrà essere utilizzata sia nell´ospedale che ceduta alla rete elettrica nazionale.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!