in

Lo sport si mobilita per la prevenzione del virus HIV

L’iniziativa in vista della giornata Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS

182108392-e94f9906-48ae-4292-b4da-3ee304f621f5“Gioca a basket, non giocarti la vita” è lo slogan che comparirà sulle magliette dei giocatori della Grissin Bon nella partita di basket di Serie A con la Giorgio Tesi Group Pistoia prevista per domani alle 18.15 al Palazzetto dello Sport G.Bigi di Reggio Emilia. In vista della Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS del primo dicembre, sarà questo un modo per richiamare l’attenzione sulla necessità di effettuare il test per l’HIV e le malattie sessualmente trasmissibili, tra cui le epatiti B e C e la sifilide, nel caso di rapporti sessuali a rischio. Nell’occasione sarà distribuito ai presenti anche un volantino informativo sul tema.

È il secondo evento che il Gruppo Interprofessionale e Interaziendale per la prevenzione del virus HIV e delle malattie sessualmente trasmissibili, attivo da alcuni anni, promuove insieme al mondo dello sport reggiano. Il Gruppo è composto da professionisti del Santa Maria Nuova, dell’AUSL e da rappresentanti del Comune di Reggio Emilia, della Croce Verde, della Croce Rossa, della Comunità Papa Giovanni XXIII, del CEIS, dell’Arcigay, delle Farmacie Comunali Riunite (FCR), della Associazione Prodigio e di ARCA Onlus.

Lo scorso tre novembre, i giocatori del Rugby Reggio in occasione della partita di Serie A contro le Fiamme Gialle Roma, hanno portato in campo uno striscione con la scritta “No discriminazione, No omofobia”, mostrandolo davanti alle telecamere di Rai Sport.

Il fenomeno dell’omofobia” spiega il Responsabile del Gruppo dottor Enrico Barchi della equipe della Struttura Complessa di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliera IRCCS Santa Maria Nuova diretta dal dott Giacomo Magnani “si rivela profondamente traumatico per chi ne è vittima e può essere causa indiretta di comportamenti sessuali più compulsivi e a rischio di acquisizione di infezioni tra cui l’HIV. Per questa ragione è importante trasmettere messaggi che facciano comprendere la negatività di comportamenti discriminatori. Il coinvolgimento di società sportive di grande seguito e popolarità è un veicolo per raggiungere e sensibilizzare fasce ampie di popolazione, in particolare quella giovane, favorendo la consapevolezza sull’importanza di comportamenti sicuri e di stili di vita corretti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Cellule “Trans”: uno scudo contro il diabete

I giovani sempre più informati sulla dieta mediterranea