Questo sito contribuisce
alla audience di
Top news

“L’assenteista va in tilt a letto”: una ricerca del sessuologo Jannini conferma che chi non lavora non fa l’amore

Da sempre esistono due categorie di lavoratori in contrasto tra loro: i fannulloni e gli stakanovisti. I primi odiati, oziosi e senza il minimo rispetto per i colleghi. I secondi, responsabili, coccolati dai loro capi e secondo un’ultima autorevole ricerca internazionale amanti che non sbagliano un colpo. Si, avete capito bene. Finalmente sappiamo cosa non riescono a fare bene gli assenteisti. Non solo non lavorano ma in camera da letto vanno in tilt. Una bella rivincita per gli stakanovisti e quelli che riescono ad avere un buon rapporto con il lavoro.

Da una ricerca, condotta su maschi di cinque grandi Paesi europei (Italia, Spagna, Francia, Inghilterra e Germania), presentata a Riga durante un meeting internazionale che ha visto riunirsi i massimi esperti in Urologia e Andrologia, è emerso che chi sta a casa dal lavoro,  o lavora senza impegno, a letto soffre anche di impotenza sessuale. Lo studio evidenzia che gli impotenti hanno un tasso di assenteismo del 29%, mentre l’assenteismo di chi è sessualmente attivo non supera il 18%.

<<Si è vero – spiega Emmanuele A. Jannini, professore di endocrinologia e sessuologia all’Università dell’Aquila – Gli uomini che soffrono di disfunzione erettile mostrano a livello lavorativo una minore produttività rispetto agli uomini senza questo problema. Per questo studio è stato utilizzato il Work Productivity and Activity Impairment Questionnaire (WPAI), uno strumento validato, grazie al quale adesso abbiamo uno spaccato “sociale” di questa condizione così diffusa>>.

Quindi, più sei forte in amore meno lavori. Ma un elemento accomuna tutti i lavoratori: la crisi. Infatti le difficoltà economiche e lavorativo producono ansia, depressione e disagio  sessuale.

<<Il consiglio che devo dare è quello di andare dal medico e raccontare la propria disfunzione –  precisa il Professore Emmanuele A. Jannini –   per ricevere la corretta diagnosi e  il giusto aiuto, anche farmacologico. E siccome siamo in tempo di crisi, magari con particolare attenzione anche i costi della terapia>>.

I farmaci disponibili in commercio Viagra, Cialis e Levitra classico e Levitra Orosolubile hanno costi differenti. Nonostante sia il più nuovo, quest’ultimo, è anche il più attento agli aspetti economici. <<Efficacia e economicità sono l’accoppiata vincente un momento storico in cui tutti valutiamo con attenzione il rapporto tra qualità e costi>>, chiosa il Professore.

Lo studio di Jannini dimostra infine che l’effetto della disfunzione erettile non riguarda solo chi è prossimo alla pensione. Sotto i cinquant’anno la percentuale di “tempo lavorativo” perduto è prossima al 10%, esattamente il doppio di quanto accade tra chi riesce a far l’amore senza problemi. Parafrasando Celentano: chi non fa l’amore… non lavora!

 

About Bayer HealthCare

The Bayer Group is a global enterprise with core competencies in the fields of health care, agriculture and high-tech materials. Bayer HealthCare, a subgroup of Bayer AG with annual sales of EUR 18.6 billion (2012), is one of the world’s leading, innovative companies in the healthcare and medical products industry and is based in Leverkusen, Germany. The company combines the global activities of the Animal Health, Consumer Care, Medical Care and Pharmaceuticals divisions. Bayer HealthCare’s aim is to discover, develop, manufacture and market products that will improve human and animal health worldwide. Bayer HealthCare has a global workforce of 55,300 employees (Dec 31, 2012) and is represented in more than 100 countries. More information at www.healthcare.bayer.com.

 

Aggiungi un commento

Clicca qui per aggiungere un commento

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */