in

L’arte al servizio della salute e della felicità

L’evento a Milano dal 16 al 25 maggio nello spazio espositivo “GARAGE Milano”

boiron1

L’evento, che si terrà a Milano dal 16 al 25 maggio nello spazio espositivo “GARAGE Milano”, open space di 1.500 metri quadrati a metà tra una galleria e uno spazio eventi, ha come obiettivo quello di promuovere e condividere una riflessione sulla Salute e sulla Felicità. Ma in che senso Salute e Felicità?

L’idea di Salute si basa sulla definizione fornita già 50 anni fa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero: “non solo l’assenza di malattia ma anche uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale”. Un concetto che ben si collega alla definizione di Felicità, intesa, in questo progetto, come il senso di appagamento psico-fisico e di piena realizzazione di ciascun individuo.

Ed è attraverso l’Arte che Boiron e la sua Associazione Omeoart hanno scelto di dare, con questa iniziativa, un contributo all’evoluzione e all’integrazione di questi due concetti, proponendo una nuova visione della vita in cui tutti possano trovare la propria felicità.

Per Christian Boiron, noto in Francia come “manager-filosofo” e da oltre 40 anni impegnato nell’approfondimento del concetto di felicità: “L’Arte può portare ogni persona a scoprire se stessa. Essere se stessi è la chiave della Felicità e della Salute. Siamo tutti artisti a condizione che ci accettiamo per ciò che siamo e che scopriamo la nostra capacità di creare. L’Arte è dunque una chiave importante del progresso”.

 Protagonista di questi 10 giorni sarà una mostra collettiva d’arte contemporanea, a carattere multidisciplinare, dedicata ai temi della Salute e della Felicità. Francesca Bianucci, curatrice di eventi d’arte, ha invitato oltre 70 artisti, fra cui maestri di fama consolidata e giovani talenti del panorama artistico internazionale, a offrire la propria libera e personale interpretazione del binomio Salute-Felicità. La mostra, a ingresso libero, presenta opere inedite appartenenti a differenti settori dell’arte: pittura, scultura, fotografia, architettura, collage, arte tessile, grafica, arte frattale, arte digitale, packaging art, vinylismo, fumetto, poesia, poesia visuale, installazione. L’evento si articolerà attraverso un fitto calendario di workshop, atelier e laboratori artistici (a ingresso gratuito, su prenotazione) per adulti e bambini, che si svolgeranno all’interno della sede espositiva.

Oltre agli appuntamenti presso “GARAGE Milano”, due eventi collaterali (a ingresso gratuito, su prenotazione) amplieranno il programma di “Salute Felicità”: venerdì 16 maggio, al Teatro Franco Parenti, avrà luogo uno spettacolo teatrale dedicato ad Alda Merini, dal titolo “La poesia più bella è stata la mia vita”, prodotto dalla compagnia Eccentrici Dadarò, mentre sabato 24 maggio, all’Auditorium Gaber (Grattacielo Pirelli) si terrà il concerto dell’Orchestra dei Popoli “Vittorio Baldoni”, nata da un progetto di Arnoldo Mosca Mondadori, che durante l’esibizione, eseguirà un brano musicale inedito, un inno dedicato alla Salute e alla Felicità.

I 10 giorni dell’evento “Salute Felicità” rappresentano una tappa fondamentale della missione dell’Associazione Culturale Boiron, che oltre a organizzare collettive d’arte sull’omeopatia, da tempo collabora con strutture ospedaliere sul territorio italiano ed europeo per promuovere interventi artistici e creativi con l’obiettivo finale, secondo il pensiero di Christian Boiron, di “integrare la felicità, espressione autentica dell’individuo, nella medicina”. L’evento “Salute Felicità” ha ottenuto, fra i patrocini, quello della Regione Lombardia – Assessorato alla Sanità, della Provincia di Milano e del Comune di Milano. (Apertura al pubblico dal 16 al 25 maggio, tutti i giorni: orario continuato dalle 10:00 alle 22:00. Venerdì 23 maggio: dalle 18:00 alle 22:00).

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Terza edizione della fiaccolata per la dignità autistica

[email protected]”, medicina e gastronomia sempre più “social”