in

La tossina botulinica in Italia: il bilancio dell’Aiteb

L’associazione: “Il nostro scopo è fare chiarezza e informare correttamente”

imagesSi prepara a spegnere la prima candelina Aiteb, l‘Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino, sodalizio di chirurghi plastici, dermatologi e medici estetici nato con l’obiettivo di promuovere le conoscenze in merito all’uso del botulino a fine estetico: “La tossina botulinica è l’intervento di medicina estetica più praticato al mondo – afferma il presidente di Aiteb, Massimo Signorini – Si tratta di una sostanza sicura per ringiovanire il viso e spianare le rughe, ma è anche impiegata con ottimi risultati per curare alcuni disturbi, come la sudorazione eccessiva o l’incontinenza femminile”. 

I numeri. La tossina botulinica è la regina incontrastata nel campo della medicina estetica con il 38,1% degli interventi totali di medicina estetica, seguita a distanza dall’acido ialuronico (23.2%) (dati Isaps 2011). Negli Stati Uniti da oltre 10 anni l’uso del botulino è al primo posto in campo estetico non chirurgico, con una crescita costante: almeno 25 milioni di pazienti si sono sottoposti a questo trattamento e, la maggior parte di essi, continua a ripeterlo. Solo nel 2012, negli USA sono stati eseguiti 3 milioni e 200mila interventi, più del doppio del secondo classificato, l’acido ialuronico, con un milione 400mila trattamenti (dati Asaps 2012).

L’Italia nel panorama mondiale costituisce un’eccezione: al primo posto si trova l’acido ialuronico, con un aumento del 24,5% rispetto al 2011, e al secondo il botulino, con una crescita del 15,6% rispetto all’anno precedente (dati Aicpe). I motivi? “L’anomalia italiana è difficile da spiegare anche se la poca chiarezza sull’argomento, le informazioni non corrette e i falsi miti hanno contribuito ad alimentare una diffusa diffidenza, del tutto ingiustificata, verso la tossina botulinica“, prosegue il presidente di Aiteb.

L’uso di botulino è comunemente, ed erroneamente, associato a espressioni fisse, labbra gonfie e visi “di gomma”: “Solo l’utilizzo improprio della tossina porta a risultati poco naturali – spiega Signorini – Se effettuato da mani esperte, il botulino consente di ottenere un effetto non artificiale. Lo scopo di Aiteb è proprio promuovere la formazione dei medici e l’informazione dei pazienti, evitando falsi ed ingiustificati allarmismi“. 

Il bilancio. Nel suo primo anno di vita, Aiteb ha partecipato con comunicazioni scientifiche ufficiali ai principali congressi nazionali di medicina e chirurgia estetica. Ha organizzato periodicamente corsi di perfezionamento per i soci. Precisa Giuseppe Sito, vicepresidente di Aiteb: “Spesso per gli interventi di medicina estetica, in particolare le cosiddette “punturine” si ritiene che non servano particolari conoscenze: per legge è sufficiente la laurea in medicina, ma nella pratica è necessaria anche una formazione specifica nell’uso estetico della tossina“. 

Fulcro dell’attività associativa è il sito www.aiteb.it, punto di riferimento per pazienti, soci, giornalisti e per chi cerca notizie relative all’argomento. L’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all’uso della tossina botulinica in medicina estetica. Scopo di Aiteb è coinvolgere tutti i medici italiani interessati allo sviluppo delle metodiche riguardanti la tossina botulinica in estetica e di diventare un punto di riferimento imprescindibile per i pazienti, la stampa e le autorità sanitarie interessate a questi temi. Aiteb vuole favorire la divulgazione delle conoscenze sulla tossina botulinica per uso estetico; sostenere e incrementare il livello qualitativo nell’impiego della tossina, a beneficio ultimo dei pazienti e dei medici stessi; contribuire alla ricerca e allo sviluppo tecnico e scientifico dell’uso e della terapia con la tossina botulinica; promuovere attività formative sull’utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico, a favore degli operatori del settore; informare su rischi e benefici della terapia con tossina botulinica; promuovere gruppi di studio e di ricerca sull’utilizzo della tossina botulinica in ambito estetico. Tra gli obiettivi c’è anche la redazione di linee guida diagnostiche e terapeutiche nell’area della medicina estetica e con particolare riferimento alla tossina botulinica, ma anche la collaborazione con enti pubblici o privati per progetti o attività inerenti la tossina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Anche un bicchiere di alcol può essere causa di incidenti

Arriva da Pisa una nuova speranza per la cura del diabete di tipo 2