in

La Capitaneria di Porto arruola i giovani “marinai” di Oasi Verde

Una giornata in barca per gli ospiti del Centro diurno pugliese

oasiUn equipaggio davvero speciale quello ospitato dalla Capitaneria di Porto di Manfredonia, che ha accolto i ragazzi diversamente abili del Centro diurno Oasi Verde per una giornata intensa trascorsa interamente in mare. I giovani “marinai” sono stati accompagnati sull’imbarcazione della Capitaneria dal personale specializzato di Oasi Verde e hanno avuto modo di scoprire alcuni segreti dell’arte del navigare e conoscere il funzionamento di una vera barca della Capitaneria. “È stata un’esperienza fantastica”, hanno spiegato i vertici della Asp (Azienda servizi alla persona) De Piccolellis di Foggia, presieduta da Antonio Tulino. Oasi Verde fa capo proprio alla De Piccolellis. Tutte le attività si sono svolte nella giornata del 29 luglio.

Oasi Verde è stato inaugurato lo scorso aprile. L’obiettivo del centro è quello di puntare a un approccio innovativo nella gestione dei problemi dei diversamente abili. La struttura ospita 25 persone ed è organizzata in sei macro aree di attività.

L’area didattica (laboratorio di didattica funzionale, laboratorio di autonomia personale e laboratorio di informatica a progetto), area espressiva (laboratorio di arti creative e immagine, laboratorio di musica, proiezione di film), area occupazionale (laboratorio di lettura e realizzazione a cadenza periodica del giornalino interno, laboratorio di giardinaggio e laboratorio teatrale), area riabilitativa (laboratorio di senso motricità, psicomotricità, laboratorio di fisioterapia, laboratorio di logopedia, Pet therapy con attività equestre e terapia assistita con i cani), area ludico-ricreativa (giochi da tavolo, canti e balli, feste a tema) e integrazione sociale.

https://www.facebook.com/depiccolellis?fref=ts

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Sindrome da rientro, come evitarla prima ancora di partire per le vacanze

Nuotare in piscina: il cloro non fa male alla pelle