in ,

Innovazione e diversamente abili: inaugurato il centro “Oasi Verde”

Oggi il taglio del nastro a Foggia. Ospiterà 25 pazienti 

Oasi Verde 2Sulla pagina Facebook della Fondazione De Piccolellis solo poche parole e un “hashtag”, ma che descrivono pienamente il clima di una giornata speciale per la città di Foggia: “Il taglio del nastro e un nuovo inizio. Foggia ha la sua “Oasi Verde” proprio nel giorno in cui il Foggia di Padalino festeggia la promozione nella seria C unica. Foggia che vince, Foggia che costruisce un futuro migliore. #cosebelle”.

Questo il post pubblicato in serata sul popolare social network, a conclusione di una giornata indimenticabile per la comunità locale, a cui è stato consegnato il centro “innovativo” destinato ai diversamente abili “Oasi Verde”. Una struttura che fa capo alla Asp (Azienda di servizi alla persona) De Piccolellis, presieduta da Antonio Tulino. Il taglio del nastro questa mattina, con i saluti del presidente della Asp De Piccolellis Antonio Tulino e il direttore generale della Asl di Foggia, Attilio Manfrini. E’ intervenuta all’evento anche Elena Gentile, assessore alla Salute della Regione Puglia. La struttura, convenzionata con la Asl, è destinata a soggetti diversamente abili, anche psico-sensoriali, con notevole compromissione delle autonomie funzionali, che necessitano di prestazioni riabilitative di carattere socio-sanitario. Una struttura pensata per i bisognosi, dunque, che può ospitare fino a 25 persone disabili, per cui sono state pensate attività di vario tipo: laboratori, informatica, insegnamenti sul corretto uso del pc e delle nuove tecnologie e altro ancora.

Il nostro obiettivo, oltre a stare vicino a queste persone, è quello di coinvolgerle pienamente nelle nostre attività – ha affermato Antonio Tulino, presidente della Asp de Piccolellis – I disabili verranno quindi coinvolti nelle mansioni di ufficio e amministrative con cui si vuole anche favorire la socializzazione ma soprattutto una loro piena integrazione”. Obiettivo che sarà possibile anche grazie alla professionalità degli educatori che assisteranno gli ospiti. Oasi Verde, che si trova di fronte al Centro Commerciale “Mongolfiera“, si sviluppa su una superficie di circa 325 metri quadrati coperti e altri mille all’aria aperta. E’ composta da un salone ricreativo (sala di attesa), un locale riposo, locale per visite mediche e colloqui, sala pranzo e ristoro, locale attività ludico motorie, locale per attività individuali, locale attività collettive di socializzazione, locale ad uso front office spazio amministrativo, depositi materiali, servizi igienici e un giardino che circonda la costruzione.

Gli ospiti arriveranno alle 8.30 e dopo alcuni minuti di accoglienza verranno assegnati, seguendo una turnazione, in gruppi di 3 o 4 persone, nei vari laboratori tenendo conto della loro compatibilità per patologia. “Per chi vorrà restare dopo le 16.30, abbiamo già pensato di far svolgere altre attività, tra cui scuola calcio e scuola teatro – ha spiegato Tulino – cercheremo anche di insegnargli a usare il profilo Facebook della Asp, a saper comunicare meglio, anche utilizzando le app e tutte le nuove tecnologie“. Insomma, in questa struttura gli autentici protagonisti saranno gli ospiti, che non saranno fruitori passivi ma attori principali del loro cambiamento.

 

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

[email protected]”, medicina e gastronomia sempre più “social”

Congresso europeo di Radioterapia: Fondazione G. Paolo II protagonista