Questo sito contribuisce
alla audience di

Impotenza

L’impotenza, definita anche disfunzione erettile, riguarda l’incapacità del soggetto maschio di raggiungere o mantenere un erezione sufficiente a realizzare un normale e soddisfacente rapporto sessuale. Un tempo si pensava che quasi tutti gli episodi di impotenza fossero causati da fattori psicologici, ma ora è chiaro che almeno l’80% dei casi è causato da disturbi fisiologici. Indipendentemente dalla causa, è importante per gli uomini rendersi conto che si tratta di un fenomeno generalizzato. Quasi tutti gli uomini prima o poi sperimentano l’impotenza e quasi 20 milioni di individui presentano problemi cronici o ricorrenti.

Diversi fattori psicologici possono concorrere alla manifestazione del disturbo. Le cause più frequenti sono da ricercare in cambiamenti a livello ormonale, assunzione di farmaci, dieta errata e patologie croniche. La presenza di bassi livelli di testosterone, ormone sessuale maschile, presenta un nesso cruciale nel l’impotenza maschile. La causa più comune è l’arteriosclerosi, la quale implica un indurimento delle arterie per via dell’ accumulo di placche sulla parete dei vasi e la conseguente diminuzione del flusso di sangue al pene. Si legga la voce Patologie cardiovascolari. La dilatazione delle arterie e l’afflusso di sangue nell’area genitale dipendono da una sostanza chimica presente nell’organismo nota con il nome di ossido di azoto.

Numerosi farmaci prescritti possono provocare una riduzione del flusso ematico ai genitali o interferire con l’attività celebrale, gli ormoni o la trasmissione degli impulsi nervosi. Se si soffre di impotenza e si sta seguendo una terapia farmacologica, è bene far notare il problema al medico. La dieta errata è un ulteriore causa molto diffusa. Così come una dieta ricca di grassi e scarsa di fibra può inibire l’afflusso di sangue al cuore, allo stesso modo può ostruire le arterie che irrorano il pene. Gli uomini con un elevata pressione sanguigna o affetti da arteriosclerosi possono avere difficoltà nel mantenere l’erezione. Altre patologie croniche, in particolare il diabete, concorrono alla manifestazione del disturbo.

È Importante sottolineare che l’invecchiamento non è una causa di impotenza. È vero che il disturbo colpisce gli anziani con maggiore frequenza rispetto al resto della popolazione maschile, ma questa circostanza può essere attribuita ad un aumento dell’incidenza di patologie e a un maggior consumo di farmaci nei soggetti in età più avanzata. Si aggiunga che l’impotenza non è di per sé un aspetto inevitabile dell’invecchiamento. Un individuo sano e felice può essere sessualmente attivo fino agli 80 anni e oltre. Se l’impotenza è un episodio ricorrente, è probabile che alcuni fattori psicologici entrino in causa o contribuiscano al problema. Il super lavoro, la fatica, la depressione, l’ansia, lo stress, il timore legato all’insuccesso della prestazione sessuale sono altre cause frequenti.

Quali sono i sintomi dell’impotenza?

  • Incapacità di raggiungere o mantenere un’erezione

Quali sono le cause prime dell’impotenza?

  • Bassi livelli di deidroepiandrosterone e testosterone
  • Prescrizioni farmacologiche
  • Droghe
  • Dieta ricca di grassi e povera di fibre
  • Patologia soggiacente (più frequentemente arteriosclerosi, ipertensione e diabete)
  • Squilibrio ormonale
  • Spossatezza
  • Stress o ansia
  • Depressione
  • Altri fattori psicologici (paura di mettere incinta la partner, timore legato all’insuccesso della prestazione sessuale, mancanza di desiderio)
  • Grave avvelenamento da metalli tossici

Come curare l’impotenza: Il trattamento

Se la causa dell’impotenza è riconducibile a una patologia soggiacente o all’assunzione di farmaci, verificare la condizione presso il medico prima di operare qualsiasi cambiamento a livello dietetico, farmacologico o di stile di vita. In caso di patologie consultare le voci Patologia cardiovascolare e Diabete.

La dieta

Alimenti consigliati: Seguire una dieta sana con un elevato apporto di fibra e principi attivi. Ottime fonti di fibra sono le verdure crude, le mele, l’avena e i cereali integrali. La vitamina E esercita un effetto vasodilatatore e migliora la circolazione. I cibi ricchi di questa vitamina sono germe di grano, derivati della soia, verdure a foglia verde e cereali integrali. È possibile aggiungere semi di soia, semi di zucca e di girasole nelle insalate o consumarli come spuntini, perché sono un’eccellente fonte di zinco, che supporta la funzionalità della prostata e incrementa i livelli di testosterone. Le foglie di crescione d’acqua, i semi di sesamo e il polline d’ape vengono utilizzati come stimolatori della libido.

Alimenti da evitare: È consigliabile evitare i cibi con un elevato contenuto di grassi saturi, idrogenati o parzialmente idrogenati, come le carni rosse, il burro, la margarina, il grasso da pasticceria e gli oli vegetali raffinati. Una dieta ricca di grassi porta problemi vascolari e impedisce l’afflusso di sangue ai genitali. È bene eliminare dalla dieta anche i “cibi spazzatura” e gli alimenti trattati industrialmente. Prima di un atto sessuale conviene non consumare pasti abbondanti: il corpo è infatti troppo occupato dal processo digestivo per potersi concentrare completamente sul desiderio. Moderare il consumo di caffeina e alcol. Una tazza di caffè o un bicchiere di vino non pongono alcun problema, ma un consumo smodato può condurre episodi temporanei di impotenza o portare a una condizione cronica.

Disintossicazione: Un periodo di digiuno di 3 giorni, durante il quale verranno assunti esclusivamente succhi di frutta e verdura, permetterà all’organismo di eliminare l’accumulo di tossine e migliorare la circolazione.

Tecniche di indagine

I seguenti esami consentono di stabilire le possibili cause dell’impotenza:

  • Patologia o squilibrio del sistema immunitario – esame del sangue
  • Misurazione della pressione
  • Test ormonale (ormoni tiroidei, deidroepiandrosterone, cortisolo, testosterone, fattore di crescita insulino-simile di tipo 1, estrogeni, progesterone) – esame della saliva, del sangue o delle urine
  • Permeabilità intestinale – esame delle urine
  • Test di funzionalità epatica – esame delle urine
  • Analisi delle vitamine e dei minerali (in particolare magnesio, vitamina B12, ferro e coenzima Q10) – esame del sangue
  • Funzionalità dell’apparato digerente e riscontro di eventuali microbi, parassiti e agenti micotici (Candida) – esame delle feci
  • Anemia – esame del sangue (emocromo, sideremia, ferritina, percentuale di saturazione)
  • Intolleranze/allergie alimentari e ambientali – esame del sangue e test elettrodermico
  • Glicemia – esame del sangue

Rimedi naturali contro l’impotenza

1 – TAURO PLUS®⭐⭐⭐⭐⭐

Tauro Plus è senza dubbio il miglior integratore  naturale  in commercio per sconfiggere la Disfunzione Erettile, per aumentare la potenza sessuale, combattere l’eiaculazione precoce, avere un’erezione maggiore e duratura, raggiungere orgasmi indimenticabili.  A base di Taurina, Ginseng e Tribulus Terrestris, prodottoe esclusivo Made in Italy e registrato al Ministero della Salute italiano, a garanzia di un elevato standard di qualità e sicurezza. Consigliato dai migliori specialisti, viene venduto sottoforma di capsule dallo stesso Produttore Natural Fit con 20 anni di esperienza nel campo del benessere. Proprio il Dott. Enrico De Angelis della Natural Fit , Professore e Specialista in Urologia lo consiglia ai suoi pazienti. 

Leggi la Recensione Completa di Tauro Plus

7 PRESCRIZIONI FONDAMENTALI – IMPOTENZA

  1. L-arginina: Assumere 1000 mg tre volte al giorno a stomaco vuoto. Questo aminoacido essenziale promuove la vasodilatazione e migliora la circolazione sanguigna, necessarie all’erezione.
  2. Cordyceps sinensis: Assumere 800 mg due volte al giorno di estratto di micelio Cs-4. Il Cordyceps è utilizzato per trattare la mancanza di libido e l’impotenza negli uomini.
  3. Ginseng coreano (Panax ginseng): Assumere 100 mg di prodotto standardizzato titolato al 4-7% in ginsenosidi due o tre volte al giorno. Questa pianta è utile per potenziare la libido e la funzione sessuale negli uomini.
  4. Ginkgo biloba: Assumere 120 mg due volte al giorno di prodotto standardizzato titolato al 24% in glicosidi flavonici e al 6% in lattoni di terpene. Il ginko migliora l’irrorazione sanguigna ed è efficace nella disfunzione erettile.
  5. Deidroepiandrosterone (DHEA): Se i livelli di DHEA risultano bassi, assumere da 25 a 50 mg al giorno sotto il controllo di un medico. In alcuni soggetti maschi con basse concentrazioni di tale ormone la funzione erettile migliora con l’integrazione. Il deidroepiandrosterone è anche un precursore del testosterone.
  6. Legno della potenza (Muira puama): Assumerne e 500 mg tre volte al giorno. Questa pianta aumenta il desiderio sessuale e combatte l’impotenza.
  7. Avena (Avena sativa): Assumere 300 mg tre volte al giorno. L’avena rilassa il sistema nervoso e incrementa la libido.

Rimedi omeopatici contro l’impotenza

Omeopatia: Agnus castus per gli uomini che hanno avuto una assidua attività sessuale per molti anni. Il quadro può includere una sensazione di freddo ai genitali. Gli uomini che necessitano di questo rimedio spesso nutrono ansia per la propria salute e possono manifestare problemi di memoria e concentrazione.

Caladium per gli uomini che hanno un interesse per i rapporti sessuali ma i cui genitali sono completamente privi di vigore. Ci possono essere frequenti polluzioni notturne senza erezione. Gli uomini che necessitano tale rimedio esprimono un forte desiderio di tabacco.

Lycopodium clavatum per i problemi di erezione dovuti a paura e mancanza di fiducia in se stessi. I problemi digestivi, quali gas intestinali e gonfiore, sono sintomi comuni.

Selenium metallicum per gli uomini con capacità sessuali ridotte soprattutto a causa di febbre o una patologia prostrante. È possibile riscontrare anche una inconsueta perdita di capelli.

Staphysagria per i soggetti di carattere remissivo, gli uomini timidi con emozioni forti, esempio una collera repressa. In tali individui il problema dell’impotenza insorge dopo un evento imbarazzante.

Aromaterapia: Diversi oli aiutano a ridurre lo stress e stimolano il desiderio sessuale. Tra i più efficaci ci sono il patchouli, l’ylang ylang, il sandalo e il gelsomino. Versare qualche goccia nell’acqua del bagno o aggiungerli ad un olio di base e usarlo per un massaggio sensuale.

Fiori di Bach: Versare 10 gocce sotto la lingua e deglutire dopo 30 secondi. Utilizzare il rimedio più volte all’occorrenza. Larch aiuterà a sentirsi più sicuri se manca fiducia negli approcci sessuali e ci si sente inadeguati; Crab Apple per gli individui che si sentono inibiti perché è stato loro insegnato che il sesso è “sporco”. Questo rimedio favorirà un sano atteggiamento verso la sessualità; Pine può essere d’aiuto alle persone che ritengono il sesso qualcosa di peccaminoso, altamente errato o di cui provare vergogna. Coloro che si preoccupano del fatto che il sesso sia fisicamente sporco dovrebbero abbinare Pine a Crab Apple; in caso di profondo esaurimento e spossatezza, Olive esercita un effetto fortificante.

Aggiungi un commento

Clicca qui per aggiungere un commento

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */