in ,

Gli effetti benefici della melatonina

La teoria evoluzionistica di Charles Darwin ha portato avanti la tesi che tutti i caratteri di una specie che la natura conserva nel tempo sono vantaggiosi per la stessa. Quanto detto si potrebbe applicare anche alla melatonina. La presenza di questa molecola negli esseri viventi non è un fatto recente, ma risale agli albori della storia. Si pensa addirittura che sia stata uno dei fattori fondamentali per lo sviluppo della vita sulla Terra.

Se l’organismo continua a produrre melatonina è evidente che essa procuri degli effetti benefici rilevanti che vanno oltre la sola regolazione dei ritmi di sonno. Come ha sottolineato il dottor Walter Pierpaoli:

«La Melatonina è una molecola “lunatica”. Lungi da ogni accezione romantica, la luna ha influenze concrete nella vita quotidiana.»

A cosa serve la produzione di melatonina

Per coloro ai quali non fosse chiaro dove si trova la melatonina, è opportuno sottolineare che questa molecola è presente in tutte le forme di vita, sia animali che vegetali. Negli esseri umani è prodotta da alcuni organi e tessuti del corpo (come la retina, la mucosa intestinale, i megacariociti e le piastrine) e da una ghiandola presente nel cervello che prende il nome di ghiandola Pineale. Essa si occupa di sintetizzare N-acetil-5-metossitriptammina (questo è il nome scientifico della molecola) che ha come compito principale quello di regolare il ritmo sonno veglia. La ghiandola Pineale, infatti, non si occupa solo di produrre melatonina durante le ore del sonno per predisporre il fisico al riposo, ma anche di inibire questo processo in presenza di determinati fattori quali, ad esempio, l’esposizione alla luce o lo stress.

Il corpo umano produce una quantità interna di melatonina – anche detta “endogena” – che varia a seconda delle fasce d’età. Più si cresce, più diminuisce la produzione. Ecco perché in alcune circostanze potrebbe essere utile integrare la produzione naturale con l’assunzione di integrazioni alimentari. Le compresse Melatonina Zinco-Selenio Pierpaoli rispondono proprio a questa esigenza.

Altri effetti benefici della melatonina

La melatonina non è solo utile per la regolazione dei ritmi del sonno, ma anche per influenzare positivamente la ciclicità di livelli ormonali e cellulari.

Dagli studi compiuti dal dottor Pierpaoli è emerso chiaramente che la melatonina migliora lo stato di salute e, di conseguenza, la qualità della vita. Lo fa agendo sulla stessa ghiandola che la produce. Se la ghiandola Pineale mantiene alto il suo livello di funzionalità, essa riesce a regolare i ritmi circadiani ormonali che, a loro volta, esercitano un’azione determinante sul sistema immunitario. Migliorare la qualità del sonno equivale ad aiutare il proprio fisico a recuperare energia e a rimanere in forze.

È normale che la produzione endogena di melatonina vada a scemare nella crescita, ma è possibile integrarla. Inducendo il segnale del picco melatonico notturno giovanile (il più elevato), si rallenta il processo di invecchiamento della ghiandola Pineale, permettendole di lavorare al meglio.

In altre parole, grazie all’assunzione esogena di melatonina, si compie la risincronizzazione delle funzioni vitali che permette all’organismo umano di mantenersi giovane più a lungo. Il rispetto dei ritmi giorno/notte e veglia/sonno è fondamentale per garantire la salute e la melatonina è fondamentale per regolarli.

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Nuovo trattamento per Covid-19: immuni fino a 12 mesi

Trovate miscroplastiche nella placenta