in

Giornata Nazionale contro lo spreco alimentare

L’appuntamento voluto dal ministro dell’Ambiente Orlando e supportato da Slow Food

imagesIl 5 febbraio è la prima giornata nazionale contro lo spreco alimentare, fortemente voluta dal ministro dell’Ambiente Andrea Orlando e supportata da Slow Food. L’Asl di Vercelli in stretta collaborazione con la ditta Alessio, già attiva su questo fronte con il progetto denominato “Buon Samaritano”, aderisce ampliando i punti di raccolta e la tipologia di alimenti fornita.

I quotidiani appelli delle associazioni di volontariato in questo difficile momento di crisi economica e sociale – spiega la Responsabile Dietista dell’ASL Anna Maria Cantonnon ci sono rimasti indifferenti. Abbiamo studiato in questi mesi una modalità che ci consentisse il sempre maggiore recupero di alimenti mantenendo inalterate le proprietà organolettiche dei cibi”.

Non si tratta di scarti di cibo quindi ma di alimenti che non hanno ancora raggiunto la mensa sia dei degenti che, da oggi, dei dipendenti. Cibi già cotti e non ancora distribuiti, pane, frutta e verdura.

Siamo di fronte ad una iniziativa importante sia dal punto di vista della solidarietà nei confronti di chi ne ha più bisogno sia da quello dei benefici alimentari – precisa Stefano Mercandino, Responsabile Produzione ditta alessio spa di Caresanablot – I cibi freschi infatti, per ragioni di carattere igienico-sanitario e a causa di normative a volte troppo restrittive, vengono poco usati nelle mense solidali ma costituiscono un prezioso apporto nutrizionale. Non solo quantità ma anche qualità “.

La Asl di Vercelli patrocina il progetto a suo tempo denominato “Buon Samaritano” che viene gestito direttamente dalla ditta Alessio su cui ricade il carico dei costi di gestione. Alessio quotidianamente si rapporta con i volontari del centro Santa Teresa che vanno a ritirare i pasti.
Il servizio è stato attivato nel giugno 2012, in seguito alla stipula dell’accordo tra ASL VC, ditta ALESSIO e il centro d’accoglienza notturno Santa Teresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Diabete in Italia: fra 20 anni 40% in più di malati

Al via “Roma International Estetica”