Questo sito contribuisce
alla audience di
Salute Top news

Giornata Internazionale dell’Omeopatia a Venafro: primo Evento in Molise sui temi del benessere e della salute

Giornata Internazionale della Medicina Omeopatica 2019. Lo scorso 10 aprile si è svolto il primo evento in Molise sui temi del benessere e della salute dal titolo “Stiamo bene… naturalmente!”.  L’iniziativa, che si è tenuta nella Palazzina Liberty di Venafro (Isernia), è stata promossa dall’Associazione Medica Italiana di Omotossicologia (A.M.I.O.T.), con il sostegno di GUNA, ed è nata con lo scopo di sensibilizzare le persone sull’importanza di un corretto stile di vita, illustrando le basi di una valida prevenzione sanitaria e aggiornare sulle ultime novità in ambito terapeutico.

Il sindaco di Venafro, Alfredo Ricci, ha tenuto a rimarcare l’importanza di questi incontri perché permettono di comprendere e approfondire temi della salute e del benessere nel pieno rispetto della tutela e della libertà di scelta del cittadino. Il dott. Fernando Crudele, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Isernia, ponendo l’accento su quale debba essere il compito che ogni medico dovrebbe assumere, ha ricordato anche l’importanza dell’attività svolta dalle commissioni in seno all’Ordine per un cammino proficuo e rilevante.

Le medicine complementari in Italia e in Molise” è l’argomento della relazione del dott. Antonio Picciano, presidente della Commissione per le Medicine non Convenzionali dell’Ordine dei Medici di Isernia. Ha tracciato il percorso d’integrazione delle Medicine Complementari in Italia e, in particolare, nel Molise con la costituzione nel 2010, presso l’Ordine dei Medici di Isernia, di una Commissione di studio e della successiva istituzione dei Registri delle discipline del settore. Di rilievo le ricerche inerenti l’effetto terapeutico del farmaco omeopatico con la novità degli ultimi tempi legata agli studi di Jayesh Bellare, dell’Università di Mumbai (India), che hanno evidenziato come siano state trovate molecole di medicinale omeopatico, in nanomoli, in tutte le diluizioni controllate. Ciò è stato confermato da Edward Calabrese dell’Università del Massachussets, che ammette che questo funzionamento di tipo chimico può essere spiegato con la legge dell’ormesi (stimolazione a basse dosi), ribadito in Italia da Andrea Dei dell’Università di Firenze.

Grande interesse hanno suscitato i racconti di Picciano riguardanti due medici molisani: Cosmo Maria De Horatiis e Vincenzo Fusco. Il De Horatiis è nato a Caccavone, attuale Poggio Sannita (IS), il 25 settembre 1771 e morto a Napoli nel marzo del 1850. Allievo di Antonio Scarpa a Pavia, trasferitosi a Napoli diviene chirurgo dei vari ospedali cittadini e al seguito dell’armata borbonica; con l’avvento dei Francesi è chirurgo primario dell’ospedale militare della Trinità, con Francesco I diviene medico di camera. Titolare della cattedra di chirurgia, entra a contatto con il medico austriaco Necker che lo introduce all’omeopatia. Riuscì a istituire a Napoli la prima cattedra universitaria di clinica omeopatica. E’ considerato uno dei più influenti medici omeopati della storia. Tra i suoi libri “Saggio di clinica omeopatica” e “Effemeridi di medicina omeopatica”. Di Vincenzo Fusco si sa poco. Nei suoi libri ha parlato di medicina, della coltivazione dell’olivo, di enologia, di turismo, di agricoltura, oltre ad aver scritto commedie. Picciano si è soffermato su un libretto di Fusco “La Vera Medicina o i Veri Mali e i Veri Rimedi del dottor Vincenzo Fusco da Venafro” pubblicato dalla Tipografia di Andrea Festa, Strada Carbonara 104, a Napoli nel 1853, in cui l’originalità del testo è racchiusa nell’impostazione clinico-terapeutica delle patologie trattate. Terapie certamente innovative e moderne rispetto al tempo. Attinge sicuramente ai precetti della Scuola Medica Salernitana, la prima e più importante istituzione medica attiva dal IX-X secolo. Guida il paziente nella scelta degli alimenti più giusti per la patologia in atto, dà molto rilievo ai comportamenti, agli aspetti psicologici, all’ambiente, alla musica e alla lettura di libri specifici per ogni malattia. Per tutto questo Vincenzo Fusco può essere considerato a tutti gli effetti un antesignano della Medicina Olistica, intesa come stato di “salute globale” (armonia tra mente, corpo, ambiente, società). Inoltre, anticipa anche quella che negli USA, nei primi anni del 1930, sarà codificata come Booktherapy  o Libroterapia.

Pier Paolo Civerra, operatore olistico del benessere e del massaggio, con l’ausilio di uno strumento multimediale intitolato “Natura che cura”, promosso da AMIOT, ha guidato il pubblico presente attraverso i temi relativi all’educazione alla salute, dando rilievo alla prevenzione naturale delle malattie e alla conduzione di stili di vita più salutari. Argomenti che hanno lo scopo di ripristinare un sano equilibrio psico-fisico stimolando un naturale processo di autoguarigione. Un approccio olistico quello di Civerra efficace perciò nella prevenzione e fondamentale per avviare una trasformazione nella propria vita, migliorando l’autostima e per raggiungere l’obiettivo di una vita globalmente sana.

L’organizzatrice dell’evento, la dott. ssa Linda Patrizia Alfieri, endocrinologa, iscritta ai Registri delle Medicine non Convenzionali dell’Ordine dei Medici di Isernia, nel suo intervento si è soffermata sulla storia dell’omeopatia nata alla fine del 1770 ad opera del medico tedesco C. S. Hahnemann che fa sua la legge dei simili (similia similibus curentur) di ippocratica memoria. E ancora, come funzionano, cosa si possa curare e come vengono realizzati i rimedi omeopatici ricavati da materie prime di origine minerale, vegetale, animale e biologica. Parlando dell’Omotossicologia, Linda Alfieri ha riaffermato che rappresenta la più importante innovazione in Omeopatia. Nata agli inizi degli anni ’50 del secolo scorso, l’Omotossicologia, viene considerata un ponte tra l’Omeopatia e l’Allopatia, come affermava il suo padre fondatore Hans-Heinrich Reckeweg. Dagli anni ’90 ulteriori studi hanno permesso di sviluppare un nuovo approccio farmacologico basato sulla Medicina Fisiologica di Regolazione o Low Dose Medicine. Inteso come somministrazione di basse dosi di “molecole messaggere attivate”, come ormoni, neuropeptidi, citochine, fattori di crescita. Sono stati posti a confronto tra l’omeopatia, l’omotossicologia e l’allopatia gli aspetti diagnostico-terapeutici della malattia. Alfieri ha passato in rassegna le cosiddette Costituzioni in omeopatia (insieme delle caratteristiche psico-somatiche tra loro correlate, modificate da fattori ambientali): Carbonica, Fosforica, Fluorica, Sulfurica che risultano funzionali per una corretta condotta per il medico. La tavola dell’omotossicosi rappresenta il giusto compendio ad un approccio diagnostico il più possibile aderente alle metodiche in questione.

In conclusione, il Dott. Emilio Pesino, presidente Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, – con sede nella Palazzina Liberty, in cui è presente la mostra dedicata al Paesaggio rurale storico del Parco e alle pratiche agricole tradizionali -, ha parlato di quest’area protetta dedicata all’olivo, unica nel suo genere nel Mediterraneo, istituita nel 2011, sorta nel territorio venafrano con l’intento di promuovere e conservare gli antichi oliveti. Il territorio del Parco è da oggi inserito nel Registro del Paesaggi storici rurali d’Italia del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Considerando l’olio prodotto tra i più rinomati e conosciuti sin dall’antichità, l’attività dell’ente si è caratterizzata nella programmazione di iniziative didattiche, turistiche, culturali con progetti comuni agli altri territori legati all’olivicoltura in Italia e nel mondo.

 

Aggiungi un commento

Clicca qui per aggiungere un commento

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */