Questo sito contribuisce
alla audience di
Adnkronos Salute e Benessere

Farmaceutica: AstraZeneca, ‘hackpharma’ per cercare medici di talento

Milano, 2 apr. (AdnKronos Salute/Labitalia) – L’anglo-svedese AstraZeneca, nella sede italiana di Basiglio, in collaborazione con il gigante del recruiting online Monster, ha organizzato un hackathon della farmaceutica. Scopo di questo ‘hackpharma’: incontrare medici di talento, provenienti da tutta Italia, e misurare conoscenze scientifiche e doti trasversali di ciascuno attraverso una vera e propria sfida lunga un giorno. Un’occasione per mostrare, al contempo, anche la gamma di opportunità che il gruppo può offrire a un medico. Venticinque i candidati presenti all’hackpharma, risultato di un processo di selezione durato circa 2 mesi. Quasi 5 mila le visualizzazioni raccolte e 137 le candidature effettive. Da queste, si è giunti a 51 colloqui sostenuti prima di arrivare ai 25 partecipanti finali dell’evento.

I candidati si dividevano in laureati in Medicina e chirurgia e specializzati e specializzandi in diversi ambiti (tra i quali endocrinologia, oncologia, geriatria, cardiovascolare e respiratorio). Dopo una prima fase, dedicata alla presentazione dell’azienda e delle sue caratteristiche, i partecipanti hanno affrontato, divisi in 4 gruppi, un business case tratto da uno studio reale prodotto da AstraZeneca. “E’ stato davvero un piacere ospitare presso la nostra sede di Basiglio l’evento HackPharma, un’opportunità per confermare il nostro impegno nell’attrarre giovani medici di talento interessati a una carriera in azienda – dichiara Patrizia Fabricatore, vicepresident Hr & Internal Communication di AstraZeneca Italia – Oggi abbiamo avuto l’occasione di conoscere 25 medici tra neolaureati, specializzandi, specializzati e phd, presentare loro la nostra azienda e le opportunità professionali che possiamo offrire: siamo sempre alla ricerca di figure con questa preparazione che ci aiutino a continuare a essere innovativi e a realizzare la nostra ambizione di offrire ai pazienti non solo i trattamenti frutto della nostra ricerca, ma soluzioni che migliorino i percorsi di cura”.

“Il successo di eventi come questo hackpharma in AstraZeneca – aggiunge Nicola Rossi, country manager di Monster Italia – testimonia, una volta di più, tra i tanti, un fatto: che l’innovazione applicata al recruiting premia 2 volte l’azienda che decide di investire in quella direzione. Una prima volta direttamente, poiché consente all’impresa di aprirsi al mercato portando l’eccellenza che questo esprime al proprio interno, senza intermediazioni; la seconda indirettamente, in quanto consente ai candidati di toccare con mano la realtà dell’impresa, e di valutare, attraverso un incontro speciale con l’azienda e con i suoi testimoni, la concretezza dell’opportunità che questa rappresenta ai loro occhi. Nel caso di AstraZeneca, poi, e della particolarità dei profili richiesti, questo valore è decuplicato”.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */