Benessere e alimentazione

Dolori menstruali, un problema per oltre 3 milioni di italiane

Qualità di vita compromessa, ma in aiuto c’è la prima soluzione contraccettiva a base di Estradiolo e Dienogest. Il prof. Primiero: “Restituisce il benessere ed è l’unica approvata anche per i flussi abbondanti”. Fitte addominali, mal di testa, tensione mammaria, nausea: sono solo alcuni dei disturbi mestruali che colpiscono ogni mese oltre 3 milioni di italiane e che mettono a rischio la loro qualità di vita. A tal punto che ben l’80% delle donne è alla costante ricerca di soluzioni contraccettive che li riducano sensibilmente o li eliminino una volta per tutte. Un obiettivo oggi sempre più facile da raggiungere grazie alla Pillola di Bayer a base di Estrogeno Naturale (l’estrogeno è identico a quello prodotto dalle ovaie della donna), disponibile in Italia dal 2009, e l’unica che combina l’efficacia dell’Estrogeno Naturale a quella del progestinico Dienogest. Proprio i benefici della soluzione contraccettiva più amata dalle nostre connazionali, di cui in questi giorni si celebrano i 3 anni dalla commercializzazione, saranno tra i temi più discussi durante il XX Congresso Mondiale FIGO (International Federation of Gynecology and Obstetrics), dal 7 al 12 ottobre a Roma con la partecipazione di oltre 7.000 esperti internazionali. “I nostri sondaggi – afferma il prof. Francesco Maria Primiero, Professore associato di ginecologia e ostetricia all’Università “Sapienza” di Roma – ci dicono che ogni mese un numero significativo di donne soffre di importanti disturbi mestruali durante i giorni in cui non viene assunta la pillola contraccettiva. Ma un recente studio internazionale ha mostrato che la pillola a base di Estrogeno naturale e progestinico dienogest è in grado di ridurre fino al 75% i dolori addominali e al seno, mal di testa, nausea, vomito e tutti quei problemi tipici del ciclo mestruale”. “I risultati dello studio internazionale Harmony – spiega la prof.ssa Rossella Nappi, IRCCS Fondazione S. Matteo dell’Università degli Studi di Pavia – dimostrano che proprio l’unicità di questa somministrazione con due soli giorni di interruzione, può ridurre significativamente i disturbi: circa il 50% delle donne che assumeva la Pillola di Bayer a base di Estrogeno Naturale vera rivoluzione tre anni fa in Italia, ha mostrato un’importante riduzione dei dolori, rispetto al 30% delle donne che sceglieva un’altra soluzione contraccettiva. Questo grazie alla grande stabilità ormonale garantita per tutta la durata del ciclo. Effetti positivi per le donne che riguardano anche la sfera sessuale. Molte donne che fanno uso di contraccettivi orali combinati – sottolinea la prof.ssa Alessandra Graziottin, direttore del centro di ginecologia e sessuologia medica del San Raffaele Resnati di Milano – riportano un impatto negativo sulle loro funzioni sessuali, in particolare relativamente a un calo del desiderio sessuale e dell’ eccitazione. Tutto questo ha pesanti conseguenze mediche (aumentano i controlli e l’assunzione di farmaci), psicologiche (ci si preoccupa dell’immagine del proprio corpo), socioculturali (aumento di stress in famiglia e sul lavoro) e relazionali (aumentano i conflitti con il partner). La Pillola di Bayer a base di Estrogeno Naturale e Dienogest ha mostrato in questo senso un profilo particolarmente positivo, non riducendo il desiderio sessuale femminile né tantomeno l’eccitazione. “Una rivoluzionaria opzione contraccettiva che ha aperto nuovi orizzonti e ha rappresentato una svolta per tutte le donne in età fertile: in Italia più di un milione di donne la scelgono ogni anno”.

Il segreto della Pillola di Bayer a base di Estrogeno Naturale sta proprio nella combinazione del progestinico e dell’estrogeno naturale, nonché nella particolare somministrazione delle compresse. “Il primo, il dienogest, è un derivato del 19-nortestosterone con una struttura chimica peculiare – continua il prof. Primiero –, mentre il secondo, l’estradiolo valerato, è una novità assoluta in contraccezione orale, capace di ridurre gli effetti indesiderati di origine estrogenica . Estrogeno e progestinico sono stati combinati in un regime unico di tipo quadrifasico, fatto di 26 giorni di somministrazione attiva, con ulteriori due giorni di compresse placebo. Con un più breve intervallo libero da ormoni e grazie al regime dinamico, questa formulazione è in grado di ridurre in modo significativo i sintomi da sospensione”. Una grande novità che ad oggi può vantare un importante supporto scientifico con circa 40 studi clinici condotti in tutto il mondo a sostegno dei suoi peculiari benefici. “Non dimentichiamo – conclude la prof.ssa Nappi – che è la prima e unica pillola ad aver ricevuto una seconda indicazione, approvata anche in oltre 30 paesi al mondo, per il trattamento dei flussi mestruali abbondanti, disturbo che riguarda circa una donna su due nel nostro Paese”. Ma i vantaggi riguardano anche altri importanti aspetti. “Le donne che durante l’indagine hanno assunto la Pillola di Bayer a base di Estrogeno Naturale – conclude la prof.ssa Graziottin – hanno mostrato un ricorso significativamente minore ai farmaci antidolorifici durante i 28 giorni del ciclo mestruale rispetto a quelle che optavano per altre opzioni contraccettive. Una nuova e importante opzione contraccettiva in grado di soddisfare le diverse esigenze di ogni tipo di donna”.

Ufficio stampa
Intermedia

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!