Benessere e alimentazione

Dieta Dukan: quali sono i rischi per la salute

Si presenta come un regime alimentare fondato su 4 fasi e 100 alimenti

dieta-dukan1-300x227Dimagrire, nella civiltà occidentale, è ormai diventato un imperativo; quello dell’obesità è ancora un primato americano, ma pian piano, anche noi italiani stiamo raggiungendo livelli preoccupanti di questa patologia, specialmente tra le regioni del sud della penisola.

Per tali motivi, ognuno cerca, attraverso modi sani o meno, di dimagrire e di diete ce ne sono a milioni e ogni persona con chili di troppo da eliminare cerca quella che meglio si adatti alle sue condizioni e alle sue capacità psicofisiche di portare a termine un percorso dimagrante che si sa, richiede non pochi sacrifici per poter perdere peso.

Tra le mille diete esistenti ce ne è una che viene da uno studio di un medico francese e che ha convinto un altissimo numero di persone che hanno deciso di intraprenderla, si tratta della dieta Dukan.

Apparentemente tale regime nutrizionale non richiede enormi sacrifici perché non limita le quantità di cibo, ma elimina totalmente alcuni alimenti che per la dieta mediterranea solo veramente fondamentali anche se devono essere assunti con moderazione; ma vediamo, nello specifico, come è costituita la dieta Dukan.

La dieta Dukan si presenta come un regime alimentare fondato su 4 fasi e 100 alimenti, tra questi 72 proteine e 28 verdure.
La prima delle quattro fasi è spiegata come  la fase di attacco ed è veramente breve dato che dura dai 2 ai 7 giorni ed è impostata su proteine pure. Tra gli alimenti permessi vi sono le carni magre, pesce, frutti di mare, tacchino, pollo, maiale, uova e latticini magri. Necessariamente bisogna bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e sono consentiti caffè, tè, tisane ecc. Sono indispensabili, sempre durante la prima fase di attacco, tre cucchiai di crusca al giorno e l’utilizzo di integratori a base di vitamine.

Come già accennato le quantità degli alimenti non sono osservate, infatti ciò che di fondamentale bisogna fare, è non mangiare i cibi che non sono segnalati nella dieta e che di deduzione sono proibiti.

Dopo sette giorni si passa alla seconda fase che viene definita di crociera; durante questa fase si aggiungono alcuni alimenti a quelli consentiti nella prima fase, e cioè 28 tipi di verdure cotte e crude senza limiti di quantità.

Questa seconda fare perdura fino a che non si è raggiunto il peso ideale e a questo punto si giunge alla terza fase che è quella di consolidamento.  A tale punto bisogna non riprendere i kg perduti fino ad arrivare alla quarta fase, quella di stabilizzazione.

Forse, la maggior parte delle persone leggendo che in questa dieta non sono assolutamente contemplati i carboidrati e la frutta potrebbe domandarsi se forse questo regime alimentare così circoscritto, a lungo andare non possa apportare qualche problema al nostro organismo, il quale, ha pur sempre bisogno degli zuccheri semplici dei carboidrati e delle vitamine della frutta.

Infatti la dieta iperproteica, cioè basata fondamentalmente sulle proteine, può apportare diversi problemi ai reni, precisamente può comportare il palesarsi di una patologia chiamata chetosi che con il tempo danneggia fegato e reni che servono a smaltire le scorie del consumo di grassi, i quali, sono contenuti in carne, uova, formaggio.

Quindi reni e fegato si troverebbero sottoposti ad un lavoro eccessivo poiché praticamente bombardati da un apporto esagerato di proteine e grassi animali; infatti, il paziente, incoraggiato dal fatto che questa dieta non contempla quantità limitate nelle porzioni dei pasti giornalieri, tenderà anche ad esagerare nelle quantità per cercare si saziarsi e così sostituendo le porzioni di pasta, pane e frutta che prima consumava abitualmente, con quelle contenenti altre proteine.

Alla luce di tutto ciò i nutrizionisti italiani sconsigliano in maniera categorica la dieta Dukan che, anche se inizialmente può far riuscire a perdere peso, non aiuta a farlo in maniera sana e soprattutto, col tempo, rischia di rovinare la corretta funzionalità di reni e fegato, organi fondamentali per la nostra salute.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!