in

Creato un “mini cervello” dalle cellule staminali

Finora erano stati riprodotti solo organi meno complessi come fegato o rene

cervello-cellule-staminali-2-770x461Un vero e proprio cervello in miniatura per studiare le malattie come la schizofrenia e l’autismo ma anche per prevenirne altre di tipo neurodegenerativo legate all’età, come l’Alzheimer o il Parkinson. E’ stato creato in laboratorio grazie a una ricerca effettuata all’Istituto di biotecnologia molecolare dell’Accademia austriaca delle scienze. Al progetto hanno collaborato anche l’Università di Edimburgo e di Londra e l’Istituto britannico Sanger della Wellcome Trust.

I realizzatori della ricerca, Juergen Knoblich e Madeline Lancaster, sono partiti dalle cellule staminali e da staminali pluripotenti, che immerse in una soluzione con diversi nutrienti, hanno dato origine a un foglietto di tessuto embrionale, il neuroectoderma.

Frammenti di questo tessuto sono stati poi inseriti in un bioreattore dove il tessuto embrionale si è ulteriormente evoluto in forma di mini-cervelli. Dopo quattro mesi di tempo hanno raggiunto una dimensione massima di quattro millimetri, con milioni di neuroni perfettamente funzionanti. Finora con le staminali erano stati riprodotti solo organi meno complessi come fegato o rene.

Il mi-cervello – hanno riferito i ricercatori – verrà usato per riprodurre malattie neurologiche finora impossibili da studiare in un modello. Per ora – hanno aggiunto – il nostro è solo un abbozzo poiché siamo ancora lontani dall’essere in grado di riprodurre in laboratorio un cervello simile a quello umano”.

 

Written by Emilio Lanese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Dolori alla schiena e alle articolazioni, è colpa del lavoro sedentario

Bere alcol in adolescenza accresce i rischi di cancro al seno