';

Covid: virologo Menichetti, ‘a questo ritmo a Natale intensive sature’

Roma, 15 nov. (Adnkronos Salute) – “Siamo al limite. Con questo ritmo a Natale arriveremo a 25-30mila contagi” da Covid 19 “al giorno e alla saturazione delle terapie intensive, ovvero al superamento della soglia del 10%”. E’ lo scenario disegnato per le prossime festività dal virologo Francesco Menichetti, già primario di Malattie infettive all’ospedale di Pisa.

“Subito dopo Natale – dice il medico all’Adnkronos Salute – potremmo superare anche la soglia del 15% delle degenze ordinarie”. Previsioni che Menichetti ricava facendo una proiezione dei numeri attuali. “Noi abbiamo 7 milioni di non vaccinati, abbiamo vaccinato il 79% della popolazione ovvero l’84% dei vaccinabili; però se di questi 7 milioni” di non immunizzati “si infetta il 5-10%, noi potremmo avere tra i 350mila e i 700mila infetti. Degli infetti vanno a finire in ospedale all’incirca il 2,5% e anche la stima più conservativa ci porta a 9-10mila ricoveri”.

Insomma, quello che si prospetta potrebbe essere un Natale in salita. “Considerando che la campagna per la terza dose è rivolta a decine di milioni di persone – ricorda il virologo – mentre l’offerta vaccinale per i bambini nella fascia 5-11 anni non si attiverà prima di dicembre, riusciremo ad arrivare a numeri di immunità intorno al 88-90% solo verso marzo-aprile. Ergo – scandisce Menichetti – l’invito è quello alla massima prudenza nei comportamenti e ad una adesione alla vaccinazione”. Ma non basta. “Senza ulteriori infingimenti – sollecita l’esperto – perché tutti ne parlano compresi membri autorevoli del Cts, bisogna limitare il certificato verde ai vaccinati e ai guariti. Lo facciano senza perdere tempo, affinché il panettone non diventi indigesto e la befana non sia di carbone scuro senza caramelle”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

close
error: Content is protected !!