in

Covid: Ue, obiettivo azione legale è consegna dosi AstraZeneca

Bruxelles, 28 apr. (AdnKronos Salute) – L’obiettivo dell’azione legale avviata dalla Commissione europea nei confronti di AstraZeneca al tribunale di Bruxelles “è assicurare che le dosi” di vaccino anti-Covid “cui riteniamo di avere diritto vengano consegnate dall’azienda. Riteniamo di avere argomenti piuttosto forti a sostegno di questa richiesta”. Lo spiega il portavoce della Commissione per la Salute, Stefan de Keersmaecker, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

“Quello che chiediamo – aggiunge – è una cosa che non è cambiata nel tempo. Abbiamo chiesto fin dall’inizio velocità nelle consegne di un numero sufficiente di dosi, quelle cui hanno diritto gli europei sulla base del contratto. E’ una cosa che abbiamo affrontato nel contesto dei negoziati con la società, ma dato che questi negoziati non hanno prodotto il risultato che speravamo, abbiamo avviato un’azione in tribunale”.

Per quanto riguarda i documenti pubblicati dal settimanale belga ‘Knack’, dai quali emerge che il Belgio fu avvisato da Deloitte che il contratto di acquisto anticipato non prevedeva penali sufficienti in caso di mancata consegna, “non ho commenti specifici in questa fase – risponde il portavoce – Quello che conta per noi è assicurare la rapida consegna delle dosi. Abbiamo un contratto che contiene clausole per quanto riguarda gli accordi di consegna, che indicano che cosa viene consegnato e quando”. “E’ un obbligo che deve essere rispettato dalla compagnia ed è uno dei motivi per cui andiamo in tribunale: fare in modo che questi obblighi vengano rispettati”, conclude.

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

‘L’ntervento di cataratta è quello più frequentemente eseguito al mondo con circa 5 milioni di procedure’ ‘Nel trapianto di cornea introdotte tecniche innovative’

Covid: infermieri, ‘vaccino dura 6 mesi? Che si fa con chi l’ha fatto a gennaio?’