in

Covid: l’indagine, ‘su liste di riserva vaccino confusione e carenza informazioni’

Pubblicità

Roma, 2 apr. (Adnkronos Salute) – Il sistema della chiamata all’ultimo minuto per il vaccino, i cosidetti ‘panchinari’, non sembra funzionare come dovrebbe nelle varie Regioni che l’hanno attivato. “Sulle cosiddette liste di riserva per i vaccini anti-covid c’è grande caos e carenza di informazioni chiare. L’assenza di una regolamentazione omogenea genera un’inevitabile confusione nei cittadini”. Lo denuncia Cittadinanzattiva. “Sono diverse le segnalazioni dei cittadini che si sono arrivate nelle quali si sottolinea una necessità di maggiore trasparenza sulle liste, in particolare chiedono dove poter reperire tali liste e quali siano i criteri per accedervi ed essere contattati”, aggiunge l’associazione che difende i diritti dei cittadini.

Per questo Cittadinanzattiva ha preso in esame “ciò che succede nelle varie regioni, analizzando le informazioni presenti sui siti regionali, oppure telefonando ai numeri verdi regionali e, anche, attraverso la rassegna stampa locale”. Ebbene dal monitoraggio dell’associazione emerge che “solo la Toscana mette a disposizione, all’interno della piattaforma per la prenotazione del vaccino, un riquadro informativo per registrarsi nelle liste di riserva. Tale sistema è stato adottato a seguito delle polemiche innescate da un caso di presunta gestione poco trasparente delle liste”.

“In Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Campania viene adottato un sistema di liste di riserva che consente, in caso di defezioni dell’ultimo minuto, di contattare coloro che si sono prenotati per il giorno successivo, anticipando quindi l’appuntamento per la vaccinazione – ricorda Cittadinanzattiva – In Lombardia sono i centri vaccinali a elaborare tali liste, mentre in Piemonte, Emilia Romagna e Campania sono le singole Asl. Il Lazio è la Regione in cui il sistema della ‘panchina’ è stato attivato fin dall’inizio della campagna vaccinale per gli over 80, le dosi avanzate a fine giornata vengono utilizzate per vaccinare coloro che hanno richiesto la somministrazione a domicilio. Per le altre categorie, invece, si utilizza un sistema simile all’overbooking degli aerei. Viene fatto un ‘check’ alle ore 14 e, in caso di appuntamenti saltati, sono chiamate le persone in lista per il giorno successivo”.

Nelle restanti Regioni invece “tali liste sono attualmente in fase di redazione oppure, nel peggiore dei casi, nemmeno presenti e, forse, non lo saranno mai perché ritenute ‘non prioritarie’, come ha affermato il governatore della Liguria”, prosegue la nota.

“Come già avevamo evidenziato per le modalità di prenotazione e le categorie prioritarie, anche sulle liste di riserva esistono evidenti difformità tra le regioni e anche all’interno della stessa regione: in Sicilia ad esempio solo a Messina è possibile iscriversi alla lista di riserva (è stata attivata una mail specifica, l’iscrizione però è aperta a tutti, tanto che la casella postale è andata in tilt in breve tempo) – afferma Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanzattiva – Tutto questo genera un enorme problema di trasparenza e informazione nei confronti dei cittadini. Per questo chiediamo ancora una volta che, anche sulle liste di riserva, siano definiti criteri nazionali per la somministrazione delle dosi avanzate a fine giornata, per fare in modo che nessuna dose vada sprecata e che si proceda regolarmente con la campagna vaccinale e, allo stesso tempo – conclude – si completino le categorie prioritarie nel minor tempo possibile, come evidenziato dal capo della Protezione Civile nei giorni scorsi”.

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Covid: Zangrillo, ‘imparare a conviverci, non illudiamoci che sia ultimo virus’

Covid: Nas, tracce virus su superfici di 32 bus e treni