';

Covid: igienista Signorelli, su buone pratiche a scuola ‘serve cambiamento culturale’

Roma, 2 nov. (Adnkronos Salute) – Dopo il successo dell’edizione 2020 nelle scuole lombarde, il progetto ‘Igiene insieme’ che ha fatto ridurre del 14% i positivi a Covid punterà a coinvolgere quest’anno 10mila realtà in tutte le regioni. “L’igiene nelle scuole riduce il contagio. L’informazione e la formazione corretta, anche nei più piccoli, sulle misure di prevenzione sanitaria semplici funzionano, ma serve un cambiamento culturale”. Così Carlo Signorelli, ordinario di Igiene e direttore della Scuola di specializzazione in Igiene e Medicina preventiva dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, coordinatore di uno studio realizzato all’interno del progetto ‘Igiene insieme’ di Napisan, che ha registrato appunto una riduzione del 14% di infezione da Covid nelle scuole della Lombardia alle quali è stato fornito un kit per l’igiene.

Sulla scorta dei risultati ottenuti dalle 271 scuole lombarde coinvolte nello studio realizzato nell’ottobre 2020 – pubblicato sulla rivista scientifica indicizzata ‘Acta Biomedica’ – quest’anno Napisan, con i suoi partner Vita-Salute San Raffaele, La Fabbrica e BVA Doxa Nudge Unit, distribuirà in 10mila scuole dell’infanzia e primarie italiane il kit con prodotti per l’igiene e la sanificazione di mani e superfici, oltre a materiale didattico e informativo per diffondere tra i più piccoli l’abitudine alle buone norme di igiene.

Prolungare il progetto serve a fare in modo che i cambiamenti si consolidino. Nelle scuole “si è parlato poco di promozione della salute e prevenzione delle altre infezioni e i bambini ne hanno pagato il prezzo con molta didattica a distanza – sottolinea Signorelli – Nel lungo periodo dovrebbe esserci un cambiamento culturale nella prevenzione”, perché questi comportamenti non si limitino “solo per la pandemia, nell’interesse della salute di tutti”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

close
error: Content is protected !!