in

Covid: Draghi studia aperture, Cts lavori a protocolli meno rigidi

Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Il premier Mario Draghi spinge sulle riaperture, per consentire al Paese, alle prese con l’emergenza Covid e le varianti che accelerano la corsa del virus, di ripartire, seppur gradualmente. A quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti di Governo, il presidente del Consiglio ha infatti chiesto al Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Sars-CoV-2 di lavorare su protocolli ‘meno rigidi’ per le aperture. O meglio, che tengano conto anche della sostenibilità di alcuni settori falcidiati dalla pandemia. Con una sorta di benchmark dei comparti più in affanno, per fissare delle asticelle, dei parametri – e in questo potrebbe essere coinvolto anche il Mef – che consentano di evitare delle aperture anti-economiche.

Insomma, la riapertura deve essere “sostenibile”, ”reale e non solo di facciata”, spiegano fonti di Governo. E consentire effettivamente a chi rialza la saracinesca di poter ‘far cassa’. Tali criteri, resta la condizione sine qua non, dovranno garantire innanzitutto la salute dei cittadini.

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

‘Possiamo porre fine a questa pandemia e lo faremo’

Ricerca: Maria Chiara Carrozza nominata presidente del Cnr