Spazio Gosalute

Come ottenere labbra carnose, tra filler e pratici consigli

Le persone che nel mondo ricorrono alla medicina estetica o alla chirurgia, per apportare un miglioramento al proprio aspetto, sono sempre più numerose. Inutile negare come vedersi belli, faccia bene allo spirito. Uno dei trattamenti più scelti in tal senso, è il filler labbra. Intorno al settore vige molta disinformazione, situazione che ha creato in alcuni soggetti la preoccupazione che, utilizzando queste tecniche, si possano ottenere risultati poco naturali. In questo articolo faremo un po’ di chiarezza su questo panorama in continua evoluzione, fornendo anche qualche pratico consiglio per mantenere labbra carnose.

Filler: cosa sono, benefici

Le “punturine” a base di acido ialuronico, sono probabilmente il miglior modo per ottenere delle labbra piene, ma al tempo stesso piacevoli da vedere. Come anticipato, la disinformazione ha generato alcune preoccupazioni nelle persone. Alcuni soggetti infatti, credono che ricorrendo a questi trattamenti, si ottenga il tanto odiato effetto “labbra rifatte”. Ci troviamo di fronte ad una credenza errata, perché il mondo dei filler è in continua evoluzione, e le tecniche utilizzate sono sicure e in grado di garantire risultati assolutamente naturali.

Il filler restituisce infatti un aspetto tonico e disteso alla pelle, ed è in grado di donare un volume maggiore alle labbra, definendone i contorni. I filler permettono quindi di ridurre i segni dell’invecchiamento, che tipicamente interessano le labbra, e che si manifestano con l’insorgere delle rughe nella zona circostante. I benefici di questo trattamento sono notevoli, perché permette di acquistare pienezza, regolare le proporzioni fra le due labbra, superiore e inferiore, e ridurre i cedimenti.

Filler labbra: come funziona?

In prima battuta è opportuno precisare che ci troviamo di fronte ad una tecnica realmente poco invasiva, che si può realizzare in pochi minuti, e che è effettuabile anche in un ambulatorio specialistico. Il filler si inietta attraverso delle cannule, metodo adatto anche a pelli più sensibili. Lo specialista, prima di procedere con il trattamento, effettua un’anestesia, così da ottenere solamente un pizzico leggero nella zona interessata. La permanenza nella struttura, solitamente non supera le due ore, ma quella del trattamento vero e proprio, non oltrepassa i 15-30 minuti.

Un filler labbra come quelli Juvederm viene iniettato laddove è necessario conferire tono e volume, fino al momento in cui non viene raggiunta la correzione desiderata, che in linea di massima viene ottenuta con 2-5 punture. Dopo ogni iniezione, il medico procede con un massaggio sulla zona trattata, per poi proseguire con altre applicazioni. Uno dei vantaggi principali di questa tecnica, è che praticamente è priva di effetti collaterali importanti. Si parla infatti di semplici lievi gonfiori, ed eventualmente di qualche livido. Questo perché uno dei principi cardine della medicina estetica, che abbiamo detto essere meno invasiva della chirurgia, è che corregge le imperfezioni in maniera del tutto graduale, senza che vi siano periodi di convalescenza.

Come prendersi cura delle labbra

Ogni parte del nostro corpo, esige accortezze specifiche, per preservarne la bellezza. Questo concetto è chiaramente valido anche per le labbra. Oltre a far ricorso ai filler, spiegati precedentemente, è possibile adottare anche alcuni accorgimenti per rendere tali labbra carnose, ed aumentare la durata del trattamento stesso. Uno di questi è sicuramente quello dell’esfoliazione, che anche se non donerà propriamente volume, aiuterà nel mantenere la parte liscia e compatta, l’effetto opposto che si presenta con le screpolature.

In commercio esistono moltissimi prodotti chiamati scrub, che aiutano a stimolare flusso sanguigno e circolazione, rendendo di conseguenza le labbra più rosee. Un altro accorgimento utile in tal senso, valido anche per il benessere generale, è quello di mantenere una giusta idratazione. Soddisfare quotidianamente il fabbisogno di acqua, aiuta a contrastare la secchezza della pelle, rendendola più luminosa.

 

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!