Medicina e chirurgia

Chirurgia dell`obesita`: dopo l`intervento un paziente su 4 inizia a svolgere attivita` fiscica

Il 26,6% degli obesi italiani dopo un’operazione di chirurgia bariatrica inizia a svolgere regolarmente attività fisica. E’ quanto ha evidenziato un sondaggio svolto dell’associazione Insieme Amici Obesi su 250 persone. “In Italia ogni anno sono eseguiti oltre 7000 interventi di chirurgia bariatrica – afferma Marcello Lucchese, Direttore della chirurgia bariatrica e metabolica del Policlinico Careggi di Firenze e Presidente della Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle malattie metaboliche (SICOB) –. Chi si sottopone a operazioni per ridurre il grave eccesso di peso può tornare a vita normale e svolgere attività quotidiane come fare un po’ di moto o sport”. Nel nostro Paese oltre il 40% della popolazione, circa 23 milioni di persone, conduce una vita troppo sedentaria, ed è propria l’inattività una delle principali cause dell’obesità, soprattutto tra i giovanissimi.

“L’attività fisica è uno strumento che può sconfiggere malattie croniche legate a stili di vita sbagliati come diabete, cancro, patologie cardiovascolari ed obesità – prosegue Lucchese -. Dopo un’operazione bariatrica, per rimanere in forma all’inizio è sufficiente camminare per 30 minuti al giorno, salire le scale a piedi, andare a scuola o a lavoro in bicicletta anziché in automobile. Per chi vuole fare sport invece è preferibile praticare attività aerobica in modo graduale e commisurato alla propria forma fisica. Un allenamento sproporzionato può esporre a gravi rischi l’intero organismo”. “Chi ha subito un intervento bariatrico – sottolinea il Presidente SICOB -, nella fase post-operatoria deve essere sottoposto a controlli periodici da parte di un’equipe medica composta da chirurgo, medico internista, dietologo, cardiologo e psicologo. Un ex-obeso che ha deciso di allenarsi in modo serio deve quindi assolutamente comunicare questa sua scelta a tutti gli specialisti che lo seguono in questa fase delicata della sua vita”. Ufficio stampa
Intermedia

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!