Questo sito contribuisce
alla audience di
Medicina e chirurgia Sanità Top news

Chirurgia: arriva il test del dna pre-ritocco

Direttamente da Hollywood arriva in Italia il test del “DNA estetico” pre-ritocco. Ad importare la tecnica è LaClinique, la prima organizzazione italiana di cosmetic surgery, che applicherà i test che, oltreoceano, hanno già conquistato numerosi vip facendo le fortune, tra le altre, di Uma Thurman, Jessica Alba ed Eva Mendes.

In abbinamento ai tradizionali interventi di chirurgia estetica come la liposuzione, l’addominoplastica o il lifting di braccia e cosce, il test del DNA consente di elaborare in laboratorio, a partire dalla “lettura” del codice genetico dell’individuo, un protocollo nutrizionale personalizzato tarato sulle caratteristiche di ciascun paziente. Basta, cioè, un semplice prelievo di saliva attraverso specifico tampone per tracciare un profilo genetico completo del paziente, sulla base del quale compilare un menù “ad personam” che garantisca il dimagrimento nel rispetto di un corretto regime alimentare.

Un trend “genetico” per dimagrire nuovo in Italia, ma che ha già conquistato Hollywood. Eva Mendes e Uma Thurman, ad esempio, hanno scelto l’analisi del DNA per liberarsi dei chili di troppo (http://www.mydaily.co.uk/2011/03/05/foods-that-boost-genes-Dr-Nicolas-Perricone/), mentre l’attrice Jessica Alba loda l’innovativo sistema per la sua capacità di “prevenire i terribili attacchi di fame”, arrivando a perdere addirittura 8 chili in eccesso (http://www.jolie.de/bildergalerien/abnehmen-fuer-stars-metabolic-balance-south-beach-und-co-436239.html). E per i figli dei divi americani addirittura ci sono delle colonie estive per abituarli fin da piccoli alla nutrigenomica (http://www.examiner.com/article/summer-dna-camps-teach-kids-about-nutrigenomics-and-smart-foods).

Anche nell’Inghilterra di Cameron i sudditi di Elisabetta II impazziscono per il DNA “anti-grasso”: come riferisce l’autorevole l’Huffington Post, infatti, il campione sottoposto al trattamento ha perso in media fino a 5 chili in 4 mesi (http://www.huffingtonpost.co.uk/2012/01/13/dna-diet-genetic-testing-weight-loss_n_1204823.html).

Ma come funziona la dieta sul DNA? LaClinique Smart Diet viene costruita, dopo l’analisi delle componenti genetiche, da un pool di genetisti e nutrizionisti esperti, che studiano il funzionamento dell’organismo e il suo modo di assimilare gli alimenti, individuandone gli elementi stressanti e i distinti modi di reagire ai cibi ingeriti. Grazie al prelievo della saliva, con tamponi boccali specifici, il laboratorio specializzato analizza il campione e gli esiti vengono esaminati da un pool di genetisti e nutrizionisti esperti, insieme alle risultanze delle abitudini personali, delle preferenze in materia di gusto e stile di vita per tracciare un programma alimentare su misura, sostenibile e personalizzato. Il nutrizionista indica successivamente il piano alimentare per dimagrire più funzionale a promuovere il benessere dell’organismo, ma anche gli alimenti più graditi al palato e coerenti con il modo di vivere del paziente. Gli alimenti inseriti nel programma non richiedono particolari modalità di preparazione, vanno elaborati secondo metodi personali. I metodi di cottura sono quelli tradizionali ed i pasti non sono vincolati a orari precisi, le calorie sono attribuite ai vari pasti, mentre l’apporto calorico giornaliero è ovviamente differente per ogni soggetto, così come il rapporto tra proteine, lipidi e glucidi, che viene interpretato secondo il modello di dieta mediterranea.

Un regime alimentare corretto, dunque, che oltre a far mantenere il peso forma, è indicato per chiunque voglia scoprire di più sulle proprie predisposizioni verso malattie metaboliche, quali diabete, obesità, infarto, ictus, ipertensione, osteoporosi.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */