Questo sito contribuisce
alla audience di
Adnkronos Salute e Benessere

Capodanno: tappi spumante come proiettili, a 80 km l’ora danni oculari gravi

Roma, 31 dic. (Adnkronos Salute) – A Capodanno non solo i fuochi d’artificio ma anche i tappi dello spumante possono essere un rischio per gli occhi, gli organi più colpiti dopo le mani e i piedi. A fare il punto sul sito dell’Iapb Italia onlus, l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità, è Loredana Falabella chirurgo esperto in traumatologia oculare dell’ospedale Pellegrini di Napoli. “Al nostro pronto soccorso, arrivano diversi tipi di traumi che vanno dalle semplici abrasioni corneali alle ustioni, alle ferite sclero-corneali fino ai temuti scoppi di bulbo. Anche i tappi di spumante – precisa – che viaggiano fino a 80 chilometri orari, se colpiscono l’occhio possono generare uno scoppio posteriore da contraccolpo”.

“In alcuni casi – prosegue Falabella – il danno oculare è talmente grave da non poter consentire alcun tipo di recupero anatomico-funzionale. Pertanto, spesso, l’esito finale è un intervento di evisceratio” del bulbo oculare “con impianto di endoprotesi (generalmente in idrossiapatite). Successivamente viene inserita una protesi estetica (epitesi) che garantisce al paziente un buon risultato e, quindi, un buon impatto psicologico”.

La perdita dell’occhio “è un lutto difficile per le persone assistite – evidenzia l’oculista – È necessario stare vicino a chi ha subito questa mutilazione, aiutandolo con molta delicatezza ad accettare sia il danno, sia la consapevolezza che, forse, poteva essere evitato. Per un ragazzo giovane è un’esperienza devastante. Le cose per fortuna migliorano con le tecniche chirurgiche, oggigiorno sempre più avanzate. Nel tempo – conclude Falabella – il rapporto con questi pazienti – che devono essere seguiti periodicamente per scongiurare il rischio di infezioni della cavità anoftalmica post chirurgica – diventa un legame molto vicino all’amicizia. Ma i primi momenti sono tesi. Certamente la missione del medico non si esaurisce nel curare solo il corpo”.

error: Content is protected !!
/* ]]> */