Questo sito contribuisce
alla audience di
Medicina e chirurgia

Cambiano radicalmente le cure per le ulcere venose

Sono circa 2 milioni gli italiani che soffrono di ulcere venose, circa l’1% nell’età adulta, con punte del 2-3% in età più avanzata. Le ulcere cutanee di natura vascolare sono lesioni aperte della cute dovute a disturbi della circolazione del sangue e rappresentano una malattia cronica e recidivante che può gravemente compromettere la qualità di vita di una persona. E con una popolazione “anziana” come quella italiana, la cura di questa patologia si pone tra le prime 5 voci di spesa sanitaria, tanto più che l’assistenza a domicilio in questo campo sta sviluppandosi solo da pochi anni.

Fortunatamente la ricerca sta sviluppando nuove cure per le ulcere venose, tre in particolare: l’utilizzo di sostanze, come i polisaccaridi, capaci di agire sugli enzimi e quindi di inibire l’infiammazione senza ledere i tessuti, come spesso capita con i normali antiinfiammatori; il ricorso a soluzioni contenenti ozono, con proprietà antinfettive e antibatteriche, in grado di garantire una perfetta asetticità della ferita; e infine l’utilizzo dei fattori di crescita cellulari e delle cellule staminali provenienti dalla cute stessa o dal midollo osseo, con l’obiettivo di sostituire un tessuto devitalizzato con un altro tessuto rigenerato.

Delle nuove cure per le ulcere venose si parlerà sabato 27 ottobre in un convegno che vedrà la presenza dei massimi esperti in materia e si terrà a Porretta Terme, Bologna (per informazioni ed iscrizioni: Elisa Olivi  tel: 051 325511, mail: elisa.olivi@senaf.it).

“Questa patologia finora non ha trovato terapie risolutive – spiega l’organizzatore del convegno, il prof. Sergio Coccheri, Professore Ordinario di Angiologia all’Università di Bologna – costringendo spesso i pazienti a faticose ed improduttive migrazioni da un ambulatorio all’altro ricevendo cure non sempre uniformi. Ora siamo vicini ad una svolta storica, e il convegno servirà sia ad informare l’opinione pubblica sulle novità in questo campo che ad aggiornare medici chirurgi, fisioterapisti ed infermieri”.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

error: Content is protected !!
/* ]]> */