Top news

I benefici del prodigioso Ginseng

Il ginseng, il cui nome botanico è Withania somnifera, è ricavato da un piccolo arbusto sempreverde ampiamente utilizzato in Ayurveda, un tipo di medicina tradizionale indiana. Originaria dell’India e del Nord Africa, varie parti della pianta sono utilizzate a scopo medicinale, ma la parte più comune che si trova negli integratori è un estratto della sua radice. Chiamato anche ginseng indiano o ciliegia d’inverno, “ashwagandha” è il nome sanscrito che indica l’odore del cavallo, riferendosi sia al suo odore simile a quello equino sia alla sua presunta capacità di aumentare la forza. L’erba è classificata come “rasayana” e cioè dotata di poteri ringiovanenti ed è per questi motivi che il ginseng è diventato di moda.

Il ginseng è spesso prescritto per aiutare ad attenuare lo stress e l’ansia, con alcune ricerche che sostengono questo beneficio. Per esempio, in uno studio di 60 giorni eseguito su 64 persone che soffrono di stress cronico, quelli del gruppo che hanno integrato con 300 mg di quest’erba due volte al giorno hanno riportato una maggiore riduzione dei sintomi dello stress rispetto al gruppo placebo. I consumatori di ashwagandha hanno anche avuto una riduzione del 28% dei loro livelli di cortisolo, un ormone rilasciato in quantità maggiore in risposta allo stress e che può contribuire nel tempo a cattiva salute, se costantemente elevato. Per questo motivo la radice è spesso inserita tra le erbe adattogene, che aiutano il corpo a gestire meglio lo stress. Tuttavia, è necessaria una ricerca su più ampia scala prima di poter avere la certezza degli effetti di ginseng sulla calma o conoscere la dose ottimale necessaria perché questo accada.


Dal punto di vista del fitness, il ginseng può offrire una spinta in più. Uno studio sul Journal of the International Society of Sports Nutrition ha scoperto che i partecipanti maschi che hanno assunto 300 mg di estratto di radice di ginseng due volte al giorno hanno sperimentato maggiori miglioramenti nella forza muscolare e hanno sviluppato una maggiore dimensione dei muscoli del torace e dei bicipiti in risposta a un programma di allenamento rispetto a coloro che hanno anche fatto pesi ma hanno consumato un placebo. Una ragione potrebbe essere che il gruppo che ha assunto ginseng ha sperimentato un aumento dei livelli di testosterone.


Un altro studio ha scoperto che coloro che hanno ingerito 500 mg di Ashwagandha due volte al giorno per due mesi hanno sperimentato miglioramenti maggiori nel VO2 max e nel tempo di esaurimento in un test di resistenza rispetto a chi ha ricevuto solo un placebo. Un aumento del VO2 max – la quantità massima di ossigeno che una persona può utilizzare durante l’esercizio fisico intenso – si è verificato anche in altre ricerche. E in un’indagine condotta su persone con dolori alle articolazioni del ginocchio, un estratto standardizzato di ginseng somministrato due volte al giorno sembrava migliorare il dolore, la funzione fisica, la rigidità e il gonfiore.


Alcune ricerche preliminari mostrano anche che l’assunzione di ashwagandha può aiutare a migliorare la quantità di zuccheri nel sangue. C’è anche una certa documentazione che attesta che può aiutare a diminuire il valore del colesterolo nel sangue, compresa il colesterolo LDL, cosiddetto cattivo, il che potrebbe renderlo un integratore alimentare sano per il cuore. Tuttavia, non c’è molta conoscenza fino ad oggi di come questo possa avvenire.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

Facebook Page

Facebook Pagelike Widget
error: Content is protected !!