in

Ballare il liscio aiuta contro l’infarto

Secondo uno studio americano, fa bene al cuore ed è praticabile anche dagli anziani

anziani-centro-sociale-balloIl ballo è un fenomeno che coinvolge in Italia, secondo recenti dati dell’Istat, almeno 1 milione e 800 mila persone per un giro d’affari di circa un miliardo di euro. Un vero e proprio esercito che dal 2000 è quadruplicato e che comprende uomini e donne, giovani e anziani, di ogni provenienza ed estrazione sociale.

Il liscio, in particolare, fa bene al cuore e, fra le molteplici attività fisiche, è assolutamente da consigliare agli over 70, unitamente a una corretta alimentazione, per prevenire infarti e ictus. Secondo uno studio realizzato recentemente dalla Texas University di Houston e pubblicato sulla rivista “Frontiers”, gli appassionati frequentatori di balere e centri per anziani non solo si divertono, ma fanno qualcosa di molto utile per la propria salute.

La ricerca, infatti, ha evidenziato che il ballo in coppia sarebbe l’attività fisica perfetta per i più attempati, in quanto mantiene attiva la concentrazione per riflettere sui passi e sulla coordinazione e stimola l’utilizzo di tutti i muscoli, ma con uno sforzo fisico moderato e non dannoso.

Il professor Edoardo Gronda, primario di Cardiologia dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) “Multimedica” di Sesto San Giovanni (MI), va oltre e rilancia che il ballo liscio (come tutti i balli in genere) è una tra le migliori attività fisiche per prevenire le malattie cardiovascolari. “Il ballo liscio – spiega lo specialista – è di fatto un’attività che implica l’impegno di masse muscolari rilevanti ed è proprio questo che viene richiesto per mantenere un efficiente apparato cardiovascolare e muscolo-scheletrico. Da un punto di vista strettamente teorico, è quindi il tipo di esercizio che si richiede per mantenere il fisico in buona forma”.

Sarà che ballare fa bene alla salute, all’umore e alla felicità, ma di certo è un settore che non ha conosciuto e non conosce la crisi. Lo sa bene il maestro Franco Bagutti, fondatore dell’omonima orchestra: “Che il ballo riduca i livelli di stress, ansia e depressione è un dato di fatto, ma che serva anche a prevenire infarti e ictus mi sembra un ulteriore motivo più che valido per dedicarsi a quest’attività”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il decalogo per un perfetto rientro in città e al lavoro

Il primato dell’obesità spetta all’Italia