in

18 marzo, Giornata Sonno: allarme apnee notturne di Fondazione ANDI‏

imageRussamento, sonnolenza diurna, perdita di attenzione e sensazione di stanchezza.

Sono solo alcuni dei sintomi di una patologia di cui in Italia soffrono, spesso senza esserne consapevoli, circa 2milioni di persone.

È la Sindrome dell’apnea ostruttiva nel sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome – OSAS), un disturbo caratterizzato da ripetute pause nella respirazione durante il riposo notturno dovute all’ostruzione delle vie aeree che può causare danni anche gravi alla salute, come infarto, ipertensione e cardiopatie, e determinare un sensibile peggioramento della qualità della vita.

In minor misura rispetto agli adulti, a esserne affetti sono anche i bambini non solo per patologie respiratorie primarie ma anche a causa di alterazioni delle strutture cranio-facciali come per esempio il palato stretto.

In occasione della nona edizione della Giornata Mondiale del Sonno, che quest’anno ricorre il 18 marzo, Fondazione ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani lancia la campagna di sensibilizzazione Allarme apnee notturne con lo scopo di portare all’attenzione delle persone questa patologia per la cui diagnosi e cura anche la figura del medico dentista è fondamentale.

I pazienti spesso non sono in grado di riconoscere i sintomi tipici dell’OSAS, ma ancora più spesso li sottovalutano o non pensano che facciano parte di una vera e propria patologia e, soprattutto, non sanno a chi rivolgersi per diagnosticarla o curarla.

Grazie a questa campagna sapranno di poter interpellare il proprio dentista ANDI per riceverne informazioni corrette e per prendere parte a vere e proprie campagne di screening effettuate con test appositi, a seguito dei quali i casi positivi saranno rinviati a centri specialistici per esami più approfonditi e per la definizione di eventuali terapie.

Per poter essere maggiormente efficaci, infatti, i dentisti ANDI partecipano a uno specifico progetto di formazione su odontoiatria e disturbi del sonno.

L’approccio a questa sindrome, che vede coinvolti diversi apparati, deve necessariamente essere multidisciplinare con il coinvolgimento del medico specialista in medicina del sonno, dello pneumologo, del neurologo, dell’otorino-laringoiatra e del cardiologo. Oggi anche l’odontoiatra può avere un ruolo importante come “sentinella diagnostica” provvedendo, per quanto di competenza, alla presa in carico terapeutica di chi è soggetto alle apnee ostruttive.

Fondazione ANDI nasce nel 2005 per volontà di ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani, la più rappresentativa associazione odontoiatrica i Italia. Fondazione ANDI promuove e genera una cultura della solidarietà per accrescere la salute orale e generale di tutti e, in particolare, di quelle persone che in condizioni di disagio fisico, economico e sociale non riescono a trovare accesso a cure odontoiatriche adeguate. Si impegna a dar voce e concretezza alla volontà dei dentisti italiani di adoperarsi all’interno e fuori dai propri studi e in diversi settori, quali la promozione della cultura della prevenzione attraverso attività dall’alto valore sociale, l’assistenza medica e odontoiatrica in Italia e nel resto del mondo, il supporto alla ricerca scientifica in campo odontostomatologico.

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Allergie: ecco come le affrontano uomini e donne secondo ASSOSALUTE

Infertilità maschile: arriva il test per individuare gli spermatozoi migliori