in

100° Congresso SIOT: ortopedici a confronto

Pubblicità

ortopedici“La protesizzazione nel paziente ad elevata richiesta funzionale”  e “La fragilità scheletrica nelle osteopatie metaboliche”  saranno i due principali temi affrontati dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) in occasione del 100° Congresso che si terrà a Roma dal 7 al 10 novembre prossimo presso l’Ergife Palace Hotel. Il 2015 segna il centesimo anniversario del Congresso  Siot svoltosi proprio nella Capitale  nel 1892.

L’evento rappresenta un’occasione unica  di confronto tra le varie scuole di ortopedia e gli autori chiamati a relazionare. Prenderanno parte ai lavori numerosi ortopedici italiani e specialisti stranieri provenienti dalle due Americhe, Francia, Inghilterra e  Giappone.

“Oggi i cosiddetti “anziani” – spiegano i professori Umberto Tarantino e Vito Amorese, presidenti del Congresso – sembrano rivivere una seconda giovinezza e aspirano ad una performance a cui i nostri genitori, e ancora di più i nostri nonni, non pensavano lontanamente: le protesi (oltre 500.000 persone ogni anno subiscono un intervento di protesi) devono essere sempre più adeguate e l’apparato muscolo-scheletrico deve avere una densità tale da accettarle e utilizzarle. Lo stesso e ancora di più vale per quei giovani affetti da alterazioni metaboliche dell’osso dove la chirurgia protesica, quando necessaria, deve rispondere ad una più elevata richiesta funzionale”

Il Congresso prevede l’EFORT Forum: importante luogo di confronto dedicato alle gravissime lesioni traumatiche degli arti, il tema porterà soluzioni d’avanguardia per evitare l’amputazione dell’arto interessato dal trauma.

Sono previsti, infine, numerosi simposi, da cui potranno emergere interessanti novità, tra cui quello consueto dedicato agli aggiornamenti sul trattamento delle metastasi ossee.

 

What do you think?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Disturbi alimentari: un progetto di Arcispedale per le scuole superiori

Botulino, ancora troppa diffidenza. Aiteb: Sicurezza ed efficacia sono scientificamente provate