Eventi

“Tutti uguali”: fino al 23 gennaio un sms al 45506 per i bambini disabili del Camerun

bimbaNon è vero che i bambini sono tutti uguali. Per i 93 milioni di bambini disabili che vivono nei Paesi in Via di Sviluppo (World Report on Disability) curarsi, giocare e andare a scuola non sono diritti primari ma lussi inaccessibili.

Il Camerun è uno di questi Paesi: qui, il 23% delle persone che hanno dai 2 ai 9 anni vive con almeno un tipo di disabilità insorta, nel 65%, a causa di malattie come polio, malaria, lebbra, morbillo*. Mali che, quando non uccidono, lasciano in eredità alle piccole vittime questa pesante condizione.

Per aiutare questi bambini, fino al 23 gennaio 2016, l’organizzazione umanitaria Dokita Onlus lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Tutti Uguali”. Inviando un SMS solidale al 45506 o chiamando lo stesso numero da rete fissa si possono donare 2 o 5 euro.

Il ricavato servirà per sostenere il centro di accoglienza e riabilitazione fisioterapica per giovani e bambini disabili Foyer de l’Esperance, nel Sud del Camerun, a Sangmélima. In particolare, le donazioni saranno impiegate per acquistare un veicolo attrezzato per il trasporto delle carrozzine, necessario sia ad accompagnare a scuola i bambini non autosufficienti, sia a condurre i bambini presso le strutture medico-ospedaliere più lontane. Inoltre, saranno acquistate nuove apparecchiature necessarie per le cure fisioterapiche. L’obiettivo è quello di garantire supporto medico e integrazione sociale e scolastica a 1.500 minori con disabilità motoria.

Essere un bambino disabile in Africa, infatti, quasi sempre vuol dire essere condannati a un futuro di emarginazione e povertà. Mancano le strutture sanitarie adeguate e spesso le barriere architettoniche e socio culturali trasformano la disabilità in sofferenza e isolamento.

Qui i ragazzi con bisogni speciali non godono delle stesse opportunità che i loro coetanei hanno nei Paesi più ricchi e sviluppati, e non solo dal punto di vista delle cure e dell’assistenza: non hanno accesso all’istruzione, perché le scuole sono per loro irraggiungibili e non attrezzate per accoglierli. Il più delle volte, poi, vengono allontanati dalle stesse famiglie, che non hanno le possibilità economiche per prendersi cura di loro.

Il Centro Foyer de l’Esperance è una delle tre strutture per giovani disabili che Dokita gestisce in Camerun, offrendo ogni anno cura e assistenza a oltre 5.500 persone con disabilità. La responsabile è Suor Laura Figueroa, missionaria della Congregazione delle Figlie dell’Immacolata Concezione, controparte locale di Dokita da oltre trent’anni.

Fino al 23 gennaio 2016 si potranno donare 2 euro con un SMS inviato al 45506 da cellulari personali TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissaVodafone e TWT. Si potranno donare 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa TIM, Fastweb.

Dokita Onlus

Dokita ha iniziato la sua storia proprio in Camerun, il suo nome infatti si ispira all’opera di Fratel Clemente Maino (chiamato dai camerunesi “Dokita”, cioè “dottore”) con attività di assistenza sanitaria e recupero sociale dei malati di lebbra, un tempo numerosi e fortemente emarginati dalla società.

Nel prestare soccorso agli ammalati, il Dokita fu supportato da un gruppo di volontari di Roma, che alla sua morte, a metà degli anni ’70. costituirono un’associazione in sua memoria: DokitaOnlus

Inizialmente presente solo in alcuni paesi dell’Africa, Dokita Onlus opera oggi per la cooperazione allo sviluppo a sostegno delle comunità più povere del pianeta in 12 paesi in 4 continenti, prestando soccorso ogni anno a più di 20mila persone, tra cui ammalati, emarginati, donne in difficoltà e persone con disabilità. Un impegno sociale portato avanti a fianco dei missionari della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione.

Proprio ai disabili l’associazione ha dedicato un’attenzione particolare, maturando nel corso degli anni una profonda esperienza nell’assistenza a persone con disabilità di varia natura (motoria, psichica, sensoriale) e avviando numerosi progetti in diverse parti del mondo.

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica