Salute

Tosse: colpisce 9 milioni di italiani, 1/3 chiede farmaci senza prescrizione

tosseLa tosse interessa 9 milioni di italiani; sono tre milioni, invece, gli italiani che si rivolgono in farmacia direttamente al banco, senza prescrizione medica. Secondo gli ultimi dati spendono sino ai 100 milioni di euro all’anno. Ne esistono di più tipologie: la tosse da ipersensibilità, ad esempio, è una sindrome che per essere manifestata basta un contatto con piccoli sbalzi di temperatura, stimoli meccanici o esposizione a sostanze chimiche. Praticamente tutti questi piccoli fattori possono scaturire tosse indipendentemente dalla patologia d’origine. Poi ci sono quelle più classiche o le sinusiti, o la bronchite virale e quelle scaturite da virus influenzali.

Cinque milioni di visite all’anno: secondo i dati delle ultime ricerche, la tosse persistente ha un’incidenza del 10%. I più colpiti sono donne e bambini: se per quanto riguarda il secondo gruppo, sino agli 8/10 anni, la motivazione è data da un sistema immunitario ancora incompleto, e quindi più esposto alle infezioni, per le donne si è ipotizzato che ci sia una maggiore sensibilità nel rispondere agli stimoli esterni con la tosse. Da un punto di vista geografico, i più colpiti sono quelli del Nord Italia (+25%) rispetto a quelli del Centro Sud.

“Non ci sono farmaci adatti per guarire dalla tosse – afferma il Prof. Dal Negro – al momento stanno lavorando su alcune molecole per placarla, farmaci particolarmente promettenti ma non ancora disponibili. Ad oggi tutto ciò che viene fatto per la tosse potrebbe avere risultati nulli, a meno che non si capisca la causa e la si combatta direttamente. Non si è ancora mai dimostrata nessuna significativa superiorità rispetto ai rimedi naturali, che possono essere miele e propoli. Questo non significa che non siano validi, ma che il confronto non è tale da optare per una scelta o per un’altra. Sicuramente in alcuni casi, quelli più gravi, è opportuno puntare al farmaco, almeno per il suo effetto sedativo. Altrimenti si può provare ad usare per alcuni giorni latte caldo e miele e vederne gli effetti”.

 

Aggiungi un commento

Clicca qui per aggiungere un commento

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica