Questo sito contribuisce
alla audience di
Top news

Stampato primo orecchio artificiale in 3d con cellule animali

L’organo, creato in laboratorio, può essere usato per pazienti con malformazioni o vittime di incidenti

Un orecchio artificiale perfettamente somigliate a un organo naturale e in materiale ‘vivo’ è stato creato grazie alle cellule animali e a una stampante 3D.

A produrlo i ricercatori del General Hospital di Boston che hanno pubblicato la loro ricerca sul Journal of the Royal Society Interface. Per realizzare la protesi, disegnata con l’aiuto di un chirurgo plastico, è stato stampato un modello in tre dimensioni di un particolare tipo di silicone.

I ricercatori hanno poi prelevato del tessuto vivente da mucche e pecore (cartilagine e collagene), che è stato innestato su una struttura flessibile, in rete di titanio, posta, a sua volta, nello stampo di silicone.

Il modello è stato poi riempito con sostanze necessarie alla crescita e alla moltiplicazione delle cellule. I ricercatori hanno quindi trapiantato la protesi sulla schiena di un ratto il cui sistema immunitario era stato indebolito per evitare il rigetto. Dopo alcune settimane i tessuti del ratto hanno rimpiazzato quelli di mucca e pecora, mantenendo la forma dell’orecchio.

L’organo creato in laboratorio – hanno riferito i ricercatori –  può essere tranquillamente usato per pazienti con malformazioni o vittime di incidenti. Entro 5 anni – hanno aggiunto – potrebbero essere realizzati studi clinici sull’uomo utilizzando, come punto di partenza, cellule provenienti dal paziente invece che da animali”.

 

Aggiungi un commento

Clicca qui per aggiungere un commento

Gruppo Salatto

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

/* ]]> */