Home / Ricerca e università / Ipertensione, Universita` di Brescia protagonista mondiale della ricerca

Ipertensione, Universita` di Brescia protagonista mondiale della ricerca

Università di Brescia sempre più in prima fila nella lotta all’ipertensione. Il prossimo 20 settembre a Washington, in occasione del congresso dell’High Blood Pressure Research, verrà premiato il lavoro clinico del prof. Damiano Rizzoni, a nome di un gruppo di studiosi della Clinica Medica dell’Università degli Studi di Brescia, diretta dal Prof. Enrico Agabiti Rosei. È la prima volta che un premio tanto importante viene assegnato a un ricercatore italiano. “Il prestigioso riconoscimento – commenta il prof. Enrico Agabiti Rosei – corona oltre due decenni di attività del Laboratorio di Biologia Vascolare presso la Clinica Medica dell’Università degli Studi di Brescia, all’avanguardia nella ricerca clinica sulle malattie vascolari e metaboliche, con tecniche assai innovative e promettenti”. Lo studio “Effects of weight loss on structural and functional alterations of subcutaneous small arteries in obese patients”, pubblicato nel 2011 sulla rivista scientifica Hypertension (la più autorevole rivista nell’ambito della ricerca sull’ipertensione arteriosa e una delle più prestigiose nell’intero ambito delle malattie cardiovascolari), ha indagato gli effetti di una cospicua riduzione di peso ottenuta mediante chirurgia bariatrica, in pazienti con grave obesità, sulle alterazioni della struttura del microcircolo, sulla funzione endoteliale e su alcuni indici circolanti di stress ossidativo. Lo studio è stato eseguito in collaborazione con la Cattedra di Chirurgia Generale e quella di Biochimica Clinica dell’Università di Brescia. Il gruppo di ricerca ha potuto per la prima volta dimostrare che la riduzione del peso corporeo ottenuta mediante intervento chirurgico che riduce l’assorbimento dei cibi, si associa ad un notevole miglioramento delle alterazioni strutturali vascolari della funzione dell’endotelio nelle piccole arterie sottocutanee nonché degli indici circolanti di stress ossidativo. L’obesità si associa infatti, fra le altre cose, ad una marcata alterazione della struttura di parete dei piccoli, vasi, ad una perdita della normale funzione dell’endotelio, lo strato di cellule che riveste internamente i vasi, ed a un aumentato stress ossidativo, tutti fattori che possono concorrere all’aumento del rischio cardiovascolare osservato in questi pazienti. Gli stessi ricercatori avevano dimostrato, alcuni anni fa, che le alterazioni del microcircolo sono il più potente predittore di eventi cardiovascolari nei pazienti ipertesi e diabetici. La valutazione della struttura delle piccole arterie è stata eseguita con una tecnica, detta micromiografica, assai precisa ed attendibile, utilizzata in pochissimi laboratori di ricerca nel mondo, nella quale i piccoli vasi vengono dissezionati ed isolati da biopsie tissutali, e sottoposti a misurazioni morfologiche e valutazione delle risposte funzionali con una strumentazione assai sofisticata.

Ufficio stampa
Intermedia 

About gosalute

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top
Translate »