I nostri esperti Top news

Artrosi della mano: contributo del Prof. Lanzetta, consulente presso l’Istituto Italiano di Chirurgia della Mano di Monza (Mi)

L’artrosi della mano è una malattia articolare cronico-degenerativa, cioè che tende a progredire nella sua gravità con il tempo e contemporaneamente ad assumere un carattere di forma permanente. Essendo a carattere progressivo, si tratta di una malattia che inizialmente si manifesta in modo tipico a livello di alcune articolazioni della mano, cioè quelle più vicino alle unghie e, se non curata, può estendersi ad altre articolazioni. In Italia l’artrosi colpisce circa 4 milioni di persone, ma si tratta di una cifra probabilmente sottostimata, delle quali, in base ai dati Istat, almeno 640.000 risiedono in Lombardia (280.000 in Emilia Romagna, 360.000 nel Lazio, 320.000 in Veneto). È la più frequente tra le patologie che riguardano principalmente le persone anziane ma, in condizioni particolarmente predisponenti, anche persone più giovani possono soffrirne.

I segni tipici dell’artrosi delle mani possono riscontrarsi all’incirca nell’80% della

popolazione oltre i 65 anni di età, ma la malattia compare già intorno ai 45 anni, con una netta prevalenza nel sesso femminile e una certa relazione e peggioramento al momento della menopausa. In questo periodo delicato della vita della donna si hanno delle variazioni ormonali e in alcuni casi una certa ritenzione di liquidi, che tendono a far gonfiare le dita soprattutto al mattino, con una conseguente difficoltà al movimento nella prima parte della giornata.

I tipi di artrosi

L’artrosi più comune si chiama Primaria, cioè si verifica spontaneamente, nella maggior parte dei casi perché esiste una predisposizione genetica, una certa ereditarietà. In questi casi l’asse femminile della famiglia – nonna, mamma, figlia, nipote – presenta una facile tendenza alla malattia delle articolazioni della mano, e molte pazienti riferiscono delle deformità assolutamente identiche a quelle della loro mamma o della loro nonna.

Quando, invece, l’artrosi è Secondaria, di solito, c’è stato un evento traumatico, come ad esempio una frattura, magari in gioventù, che ha comportato una lesione dell’articolazione o della cartilagine di rivestimento di questa articolazione. Con il trascorrere del tempo, lo scorrimento di queste due superfici articolari “anomale” perché rovinate, porta a un’usura da sfregamento molto più rapida e, quindi, a delle immagini radiologiche tipiche dell’artrosi anche in pazienti di 35-40 anni.

Intensità e gradi di artrosi

Naturalmente l’artrosi alle mani può presentare gravità differenti secondo le lesioni e la forma che assume. Esiste una forma erosiva, caratterizzata da una distruzione rapida della cartilagine di rivestimento e, successivamente, del tessuto osseo sottostante, in modo che si vengono a creare delle aree di “vuoto”, cioè delle cavità a livello articolare. La forma deformante invece può non essere così aggressiva, ma porta velocemente a una deviazione dell’asse delle articolazione, ed esteticamente questa condizione risulta più evidente perché le dita sono storte o atteggiate ad uncino. La forma erosivo-deformante è ovviamente la più temibile, soprattutto quando porta a degenerazioni veloci e invalidanti.

I sintomi dell’artrosi

I sintomi dell’artrosi sono facili da riconoscere: le articolazioni delle dita si gonfiano, possono arrossarsi, far male soprattutto dopo giornate di lavoro intense, si notano dei piccoli noduli duro-elastici, i cosiddetti noduli di Heberden, che si formano sul lato dorsale delle articolazioni vicine alle unghie, per intenderci sul lato opposto al polpastrello. Con il tempo, da sei mesi a un anno, il dolore tende ad attenuarsi ma compaiono appunto queste antiestetiche nodosità. Tutto ciò avviene perché le cartilagini tra le ossa si usurano, assottigliandosi sempre di più fino a scomparire, e a questo punto il tessuto osseo che sta sotto la cartilagine si trova esposto allo sfregamento articolare durante i movimenti, e a sua volta si deforma. Le piccole terminazioni nervose che attraversano l’osso portano al centro il dolore causato da questo sfregamento.

La diagnosi

La diagnosi si effettua con un esame clinico da parte del chirurgo della mano, che richiederà obbligatoriamente una radiografia e spesso anche un’ analisi del sangue. La radiografia è davvero importante, sia perché fotografa lo stato delle cose e quindi il grado di artrosi presente, sia perché permette di dare una immagine del punto di partenza delle cure, e quando viene ripetuta a distanza di 1-2 anni può mettere in evidenza la velocità della progressione della malattia. Solitamente si consiglia di eseguire una radiografia ogni 12 mesi.

Come si cura l’artrosi alla mano?

Una cosa importantissima da sapere è che l’artrosi si cura!

Di qualunque grado, di qualsiasi gravità, questa malattia è curabile. Quando si tratta di una forma iniziale si ricorre ad un programma specifico di fisioterapia, un tutore in materiale termoplastico da indossare qualche ora al giorno e a una dieta specifica contro l’artrosi. Nelle forme più avanzate si può intervenire con un’infiltrazione radioguidata, cioè effettuata controllando su un monitor radiologico l’esatto posizionamento della sonda, o con l’ utilizzo delle cellule staminali, prelevate dallo stesso paziente attraverso una procedura mini invasiva. La terapia con applicazione cutanea di un gel veicolato con un laser può essere molto efficace, apportando risultati positivi e molto duraturi nel tempo. Nelle forme più gravi si ricorre alla chirurgia, sempre ambulatoriale e in anestesia locale, con risultati ottimi e scomparsa permanente della malattia che non si ripresenterà più nel corso della vita.

 

5 Commenti

  • Salve Professore,
    Circa 2 mesi fa mi sono svegliata con il mignolo della mano sinistra dolorante, ed e’ durato per 2/3 gg
    Il dolore scompare ma mi resta il dito leggermente deformato.
    Dopo un po l’indice , lo stesso , e il dito appare leggermente deformato nella parte centrale.
    Senza dolore mi e’ risultato anche il dito medio sempre della mano destra.
    L’anno precedente avevo effettuato una elettromiografia sempre alla mano destra per un sospetto tunnel carpale, perche’avvertivo dolore nella parte bassa del pollice.
    Ultimamente ho eseguito anche una rx, negativa e nulla segnalato
    Tra le altre cose le chiedo se lei fa studio anche in campania o anche se mi puo’ dare qualche nome di medico che puo aiutarmi , grazie

  • Salve.mi è stata diagnosticata artrosi mani. ho 36 anni e sono esasperata. Ho su tutti 2 mignoli nodi e dita storte.Sono molto preoccupata. Si potrebbe fare qualcha operazione??grazie

    • Si puo` contattare l’Instituto a seguente indirizzo
      +39 039 23 24 219
      E-Mail: info@centronazionaleartrosi.it
      Vicolo Scuole 5 – Monza – IT
      COME PRENOTARE
      La prenotazione può essere effettuata:
      di persona presso la nostra sede a Monza, vicolo Scuole 5, tutti i giorni feriali dalle ore 9,00 alle ore 18,00
      telefonando al n. 039 23 24 219

Clicca qui per aggiungere un commento

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica

GoSalute e InFormaTv insieme per l’informazione scientifica